Cosa sono i farmaci
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Cosa sono i farmaci

Definizione e funzione e composizione del farmaco. Cos'è il principio attivo e cosa sono gli eccipienti. La classificazione del farmaco. La distinzione tra effetto terapeutico e collaterale

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Cosa sono i farmaci

Un farmaco è una sostanza esogena, cioè introdotta nel corpo dall'esterno, capace di indurre modificazioni nella funzionalità di un tessuto, di un organo oppure dell'intero organismo vivente. Tali modificazioni sono di natura biochimica e fisiologica ed avvengono attraverso un'azione di tipo chimico, fisico o chimico-fisico.

Un farmaco viene somministrato con lo scopo di ripristinare, correggere, limitare o modificare determinate funzioni fisiologiche, interagendo con le stesse, oppure per stabilire una diagnosi medica. Un farmaco infatti è dotato di una specifica azione farmacologica, cioè è in grado di interagire con l'organismo in modo specifico andando ad influenzare precisi processi biochimici e fisiologici ed influenzandoli in modo specifico. Ogni farmaco ha determinate caratteristiche che ne determinano il modo in cui interagisce con l'organismo, per questo esistono numerosi farmaci con funzioni differenti.

Le interazioni che le sostanze esogene, i farmaci, possono avere con l'organismo sono divisibili in 2 classi:

  • Farmacodinamiche, rappresentate dai reali effetti del farmaco sull'organismo, il bersaglio biologico (tessuto o organo su cui ha attività), il tipo di azione sul bersaglio, gli effetti che l'azione determina sulla biochimica dell'organismo
  • Farmacocinetiche, che sono i meccanismi attraverso cui il corpo interagisce col farmaco nel tempo, cioè l'assorbimento, la distribuzione, il metabolismo e l'eliminazione del medicinale stesso

Il farmaco per poter essere commercializzato deve passare un certo numero di controlli che ne garantiscano sicurezza, qualità ed efficacia. Pertanto deve essere sperimentato in diversi studi con finalità diversa che permettano di dimostrare le capacità, evidenziandone il buon rapporto tra benefici e rischi.

Ogni farmaco a seconda dell'utilizzo e dei possibili rischi che ne conseguono è sottoposto ad un regime legislativo particolare che ne determina appunto i possibili impieghi e le possibili modalità di prescrizione.

Nel momento in cui il farmaco viene commercializzato viene presentato in diverse forme farmaceutiche che contengono il principio attivo ed eventuali eccipienti.

Il principio attivo

Il principio attivo, è rappresentato dalla sostanza/e responsabile/i della sua azione e del suo impiego terapeutico.

Gli eccipienti

Gli eccipienti sono le sostanze che vengono aggiunte per potere essere meglio somministrato. Alcuni eccipienti vengono inseriti per modificare l'azione del principio attivo stesso.

Ogni farmaco si presenta in una o più formulazioni che sono le differenti forme commerciali con cui il farmaco viene venduto (compresse, fiale, spray ecc. ).

Il prodotto finito nelle formulazioni prodotte viene venduto per trattare determinate patologie o condizioni fisiologiche.

Le classificazioni del farmaco possono essere differenti:

  • Categoria terapeutica, rappresentata dai diversi stati patologici che vuole curare
  • Classe, data dal tipo di azione che svolge
  • Forma farmaceutica, che ne indica il tipo di formulazione finale
  • Famiglia chimica, caratterizzata dalla forma di struttura molecolare

Effetto terapeutico ed effetti collaterali

Quando un principio attivo entra nel corpo, determina una serie di eventi biochimici che alterano la funzionalità di determinati aspetti metabolici. Queste alterazioni sono l'effetto per il quale si assume il farmaco stesso. L'azione che si verifica quando si prende un medicinale e che ne giustifica l'assunzione, in quanto è in grado di modificare alcune funzioni biochimiche che determinano la guarigione da una determinata patologia, è definita effetto terapeutico.

Al tempo stesso però qualunque sostanza genera anche un certo numero di effetti biochimici non desiderati, in quanto l'azione di qualunque sostanza spesso determina un certo numero di alterazioni fisiologiche non sempre utili, salutari e volute. Questi effetti non desiderati conseguenti all'assunzione di un farmaco sono definiti effetti collaterali. Ogni sostanza presenta un certo numero di effetti collaterali più o meno gravi in quanto qualunque sostanza in grado di interagire ed alterare la funzionalità del corpo può generare effetti pericolosi e dannosi per la salute.