Doping: i metodi proibiti
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Doping: i metodi proibiti

Doping, quali sono i metodi proibiti? Potenziamento del trasporto di ossigeno, manipolazione chimica e fisica, doping genetico

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Doping: i metodi proibiti

Potenziamento del trasporto di ossigeno (classe M1)

Sono proibiti i seguenti metodi:

  • Il doping ematico, compreso l'uso di sangue autologo, omologo o eterologo o prodotti contenenti globuli rossi di qualsiasi origine
  • Potenziamento artificiale dell'assorbimento, del trasporto o del rilascio di ossigeno, che includono, ma non sono limitati alle sostanze chimiche perfluoridiche, all'efaproxiral (RSR13) e a prodotti di emoglobina modificata (ad es. sostituti del sangue basati sull'emoglobina, prodotti di emoglobina microincapsulata), ad esclusione dell'ossigeno supplementare

Manipolazione chimica e fisica (classe M2)

  • È proibita la manipolazione, o tentata manipolazione, per alterare l'integrità e la conformità dei Campioni raccolti in occasione di Controlli Antidoping. Questi includono ma non si limitano a cateterizzazione, sostituzione e/o alterazione di urina (ad esempio la proteasi)
  • Sono proibite le infusioni endovenose ad eccezione di quelle legittimamente ricevute nel corso di ricoveri in ospedale o di indagini cliniche
  • È proibita la procedura sequenziale di prelievo, manipolazione e reinfusione del sangue totale nel sistema circolatorio

Doping genetico (classe M3)

Sono proibiti i seguenti metodi, cha hanno la capacità di migliorare la performance atletica:

  • Il trasferimento di acidi nucleici o sequenze di acido nucleico
  • L'utilizzo di cellule normali o geneticamente modificate
  • L'uso di agenti che direttamente o indirettamente esplicano funzioni note per interferire sulla performance alterando l'espressione genica. Ad esempio, sono proibiti gli agonisti del recettore H attivato dal Proliferatore del Perossisoma (PPARH ad esemapio GW 1516) e gli agonisti dell'asse PPARH-AMPprotein chinasi attivato (AMPK ad esempio AICAR)