Apoptosi e necrosi
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Apoptosi e necrosi

I meccanismi di morte cellulare e le loro implicazioni anche sul piano ontogenico. L'apoptosi e la necrosi.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

La morte cellulare è l'evento conclusivo dei danni di una data rilevanza, ed è un passaggio fondamentale in molte patologie.
La morte è anche un evento normale che coinvolge la regolazione e il ricambio tissutale ecc.
Una cellula che si avvia alla morte modifica la sua struttura entro un ventaglio di variabili limitate, e sono state descritte due modalità di morte cellulare: l'apoptosi e la necrosi.
L'apoptosi (dal greco allontanamento, diminuzione) è la via seguita nell'organismo da milioni di cellule, continuamente, compensata dalla mitosi che contribuisce all'omeostasi. È inoltre il fisiologico processo che provvede, in fase embrionale, all'eliminazione delle membrane interdigitali, alla formazione del lume degli organi cavi, al ridimensionamento numerico delle cellule nervose. In fase senile, o nelle tappe di maturazione, è anche responsabile dell'atrofia che si osserva in alcuni tessuti di mammifero. In altri termini è implicata in numerosi processi cellulari non necessariamente patologici.

Una cellula che sta per andare incontro ad apoptosi è riconoscibile da alcuni elementi caratterizzanti l'evento:

  • perdita di strutture specializzate di superficie (microvilli ecc.)
  • riduzione del volume cellulare per compattazione degli organuli citoplasmatici. In alcuni casi può accadere che la cellula si frammenti in corpi circondati da membrana (corpi apoptosici). Nella cellula avvengono processi di aggregazione proteica (promossi da enzimi) con legami fortemente insolubili (transglutaminasi). Le proteine transglutaminate costituiscono un involucro rigido posto sotto la membrana cellulare
  • gli organuli citoplasmatici restano integri, e i mitocondri non vanno incontro a rigonfiamento e rottura (come nella necrosi). Quasi sempre si può rilevare un rigonfiamento transitorio del reticolo endoplasmatico liscio, con le cisterne che arrivano a fondersi con la membrana plasmatica della cellula
  • la cromatina all'interno del nucleo muta la sua configurazione condensandosi sotto la membrana nucleare, situazione dovuta al collasso della sua organizzazione, provocato dal taglio della doppia elica di DNA di congiunzione intranucleosomiale
  • la cellula in apoptosi è riconosciuta dalle cellule vitali circostanti a causa dell'esposizione di residui di fosfatidilserina sulla sua superficie, che la segnala come bersaglio per la fagocitosi

Necrosi

La necrosi (dal greco morte), è causata da condizioni extracellulari gravemente compromesse che comportano il rigonfiamento e la conseguente rottura cellulare.
Le prime modificazioni che interessano una cellula che va in contro a necrosi riguardano un lieve rigonfiamento, la dilatazione del REL e la perdita di ribosomi dal RER.
Successivamente si formano esfoliazioni contenenti citoplasma, dalla membrana citoplasmatica, prive di organuli.
Tali alterazioni possono essere anche non letali, ma esiste un punto di non ritorno oltre il quale il destino della cellula è irreversibilmente segnato.
Tale momento è rilevabile microscopicamente ed è caratterizzato da una violenta dilatazione e dalla comparsa di corpi densi nella matrice.
A questo punto le cellule necrotiche si rigonfiano e le membrane plasmatiche interne e superficiale iniziano a rompersi con la conseguente fuoriuscita degli organuli.
Come conseguenze della necrosi, spesso si hanno risposte infiammatorie locali.