Obesità, cause e problematiche correlate
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Obesità, cause e problematiche correlate

Il ruolo della leptina, della grelina e dell'ipotalamo nell'insorgenza dell'obesità. I fattori sociali e le abitudini alimentari.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Obesità, cause e problematiche correlate

È uno dei più gravi problemi di salute, si calcola che, in Italia, 4.000.000 di soggetti, fra adulti e bambini, sono obesi. È una condizione fortemente a rischio di mortalità per malattie cardiovascolari, e può sviluppare insulino resistenza.
Il rilascio di acidi grassi nel sangue determina iperglicemia che causa insulino resistenza e ipercolesterolemia nel fegato, può insorgere ipertensione e tendenza alla ritenzione di sodio e conseguentemente di acqua da parte dei reni.

L'accumulo di grasso dovuto all'esubero delle calorie introdotte rispetto a quelle utilizzate è la principale causa dell'obesità e dei problemi correlati.

I fattori scatenanti sono di natura alimentare (30%), genetica (25%) e fattori idiomatici soggettivi (basso metabolismo basale, termogenesi ecc.) 45%.

Valutiamo due tipi di obesità, quella di tipo androide, tipica del sesso maschile e più rischiosa, e quella di tipo ginoide tipica del sesso femminile.

Il tessuto adiposo

Il tessuto adiposo è costituito da:

  • cellule adipose brune, caratteristiche negli animali che vanno in letargia, nelle persone che lavorano a basse temperature e nei neonati. Il grasso bruno disperde energia sottoforma di calore, è molto vascolarizzato e si presenta distribuito in numerose goccioline di piccola misura. È presente soprattutto a livello viscerale
  • cellule adipose bianche, tendono a sostituire le cellule brune col passare del tempo. Tendono ad accumulare più grasso e secernono sostanze come se fossero delle ghiandole (citochine, TNF)

Negli obesi il BMI è maggiore rispetto ai normopeso ma, soprattutto, è fortemente sbilanciato il rapporto fra massa magra e massa grassa, con adipociti più grandi ed in numero maggiore (75 miliardi negli adulti obesi contro i circa 25 miliardi nell'adilto normopeso). L'aumento di adipociti avviene nell'ultimo trimestre della gravidanza, nel primo anno di vita, nell'adolescenza.

Leptina

La leptina ha un ruolo importante nella regolazione del peso corporeo nel lungo termine. È una proteina prodotta nelle cellule adipose, con effetti sull'ipotalamo. Nei soggetti obesi la leptina viene normalmente secreta ma, spesso, si instaura una resistenza alla leptina che la rende, di fatto, inefficace. Il suo funzionamento regola il peso corporeo e, la sua produzione è proporzionale alle cellule adipose. Un calo di cellule adipose comporta un calo di leptina ed un aumento dell'appetito. Viceversa si ha una diminuzione della fame.

I recettori per la leptina sono presenti nel nucleo arcuato dell'ipotalamo, e sono più sensibili alla diminuzione di leptina (quindi al dimagrimento) che non al suo aumento.

Grelina

La grelina è una proteina molto piccola che agisce a livello ipotalamico, viene secreta prima di un pasto e segnala la necessità di alimentarsi. Nei soggetti a dieta i livelli di grelina salgono.