Blog NonSoloFitness

Il Blog di NonSoloFitness: le ultime novità sul mondo del fitness e del wellness per personal trainer, istruttori e appassionati. Le news sul mondo di NonSoloFitness, le nostre iniziative e i nostri corsi di formazione per istruttori e personal trainer.

Lebert Training System: arriva in Italia un triplice corso LeBOOT, LeHIIT e LeBARRE

Lebert Training System: arriva in Italia un triplice corso LeBOOT, LeHIIT e LeBARRE

Lebert Training System entra in Italia con NonSoloFitness. Il sistema è composto da 3 tipologie di corsi che usano tutti gli Equalizer, sia nella versione classica che in quella XL, e il Buddy System. Questi due attrezzi sono estremamente versatili e "funzionali", nel senso che si prestano a molteplici utilizzi, vista anche la loro semplicità di base, e qualità degli stessi materiali.

Ma di cosa si tratta? Esattamente vengono proposti 3 differenti corsi che si sviluppano sull'uso di questi attrezzi. In sintesi possiamo così distinguerli e descriverli:

Master rieducazione funzionale e posturologia applicata

Master rieducazione funzionale e posturologia applicata
  • Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
  • Master Universitario di I livello
  • A.A. 2015/2016

MASTER RIEDUCAZIONE FUNZIONALE E POSTUROLOGIA APPLICATA

Obiettivi formativi

Il Master di primo livello in Rieducazione Funzionale e Posturologia Applicata, di durata annuale per complessivi 60 CFU, si rivolge a persone in possesso di laurea almeno triennale che intendano acquisire competenze tecnico-scientifiche nell'ambito delle attività motorie integrando le nuove acquisizioni neurofisiologiche sull'equilibrio posturale, per progettare e attuare interventi mirati sia alla valutazione e al miglioramento del gesto atletico che al recupero post traumatico scheletrico e miofasciale.

Per l'ammissione è richiesto uno dei seguenti titoli di studio:

L'attività fisica fa vivere più a lungo

L'attività fisica fa vivere più a lungo

L'attività fisica è definita dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) come "qualsiasi movimento corporeo prodotto dai muscoli scheletrici che richiede un dispendio energetico". La sedentarietà, cioè la mancanza di esercizio fisico, è considerata il quarto principale fattore di rischio per la mortalità globale e da sempre rappresenta un grave problema di salute pubblica in diversi paesi, causando circa 3,2 milioni di morti a livello mondiale. Secondo quanto riportato dal World Health Organization nel 2004, circa 1,9 milioni di persone in tutto il mondo muoiono ogni anno per malattie legate alla mancanza di attività fisica.

L'attività fisica regolare è essenziale per prevenire e ridurre il rischio di morte prematura e per godere di un miglior stile di vita (Warburton, Nicol & Bredin, 2006).

Evoluzione o involuzione: come sarà l'uomo del futuro?

Evoluzione o involuzione: come sarà l'uomo del futuro?

Il nostro corpo non è altro che la risultante di migliaia d'anni di evoluzione in cui l'organismo umano per adattarsi alle dinamiche ambientali ha modificato nel tempo le proprie abitudini e allo stesso tempo questo ha determinato anche notevoli modifiche strutturali all'apparato locomotore, oltre che la supremazia intellettiva sulle altre specie.

Pensiamo ad esempio alle straordinarie possibilità che ci vengono fornite dalla stazione eretta e bipodalica, a come una struttura dalla superficie relativamente piccola come quella di un piede consenta invece di mantenere in equilibrio una struttura grande come quella di un uomo.

Iscrizione in palestra: sei determinato?

Iscrizione in palestra: sei determinato?

Anche quest'anno, come ogni inizio di stagione sportiva c'è chi si sta decidendo per iscriversi in palestra e c'è chi non ha mai smesso di allenarsi; c'è chi cercherà l'ultima tendenza e chi invece continuando con i "vecchi classici" continua a mantenersi in gran forma e a migliorare anno dopo anno.

Più volte è stato sottolineato il fatto che senza una forte motivazione e determinazione tutti gli sforzi possono diventare vani, poiché al di là di tutte le mode e le tendenze, che naturalmente possono avere il loro peso, la vera differenza viene fatta dalla costanza di mantenere un impegno nel tempo (almeno per raggiungere un determinato livello).

Il fitness sbarca a Bibione

Il fitness sbarca a Bibione

Si è conclusa da pochi giorni la spettacolare kermesse che ha trasformato la splendida spiaggia di Bibione in un maxi centro fitness all'aperto coinvolgendo e impegnando migliaia di persone accorse da tutta Italia per seguire il Bibione Beach Fitness 2014. I numeri sono stati da capogiro con ben 12 pedane a disposizione degli amanti del fitness, appassionati di lungo corso o neofiti in cerca di divertimento. Oltre 240 ore di lezione a suon di musica che neppure un meteo un po' ballerino è riuscito a ridimensionare. 210 i presenters impegnati con ben 240 masterclasses.

Come se non bastasse in concomitanza col Bibione Beach Fitness si è tenuta la Beach Volley Marathon che ha visto coinvolte squadre provenienti da tutta Europa, migliaia di atleti incontrarsi (e scontrarsi) su 250 campi di beach volley a disposizione, e ben 2.400 squadre per il più grande torneo open della specialità per atleti di ogni età e livello.

Il giusto abbigliamento in palestra

Il giusto abbigliamento in palestra

La domanda che spesso ci si pone, soprattutto il primo giorno di palestra, è "quale abbigliamento scegliere affinché possiamo praticare la nostra disciplina preferita senza problemi?"; a differenza di quanto si possa credere, non è un quesito partorito prettamente dalla mente di un neofita di sesso femminile, ma anche molti uomini si pongono il dubbio su quale siano i requisiti di scelta dell'abbigliamento in palestra.

Ebbene, ecco alcune linee guida secondo le quali orientarvi. Molti, giovani soprattutto, credono che dagli indumenti debba trasparire, per prima cosa, uno stile, ovvero rendono primario l'aspetto estetico, basta cioè essere alla moda e il gioco è fatto...

I dieci principi fondamentali del Taiji

I dieci principi fondamentali del Taiji

1. Xuling Dingjin

Dingjin significa mettere la testa nella posizione giusta e concentrare lo spirito nel cervello. Xuling significa posizione naturale. Xuling Dingjing serve a elevare il morale. Per avere l'energia alla sommità del capo bisogna tenere la testa e la faccia ben diritte in modo che l'energia mentale (Shen) raggiunga il punto più alto. Ma non bisogna usare forza muscolare (Li) altrimenti il collo si irrigidirebbe ostacolando la circolazione del sangue e del Ch'i. La mente deve essere vuota (Hsü) e pronta (Ling) in maniera naturale. Se la mente non è vuota, pronta e se l'energia non è alla sommità del capo, è impossibile risvegliare lo spirito di vitalità (Ching Shen).

2. Far rientrare il petto e raddrizzare la schiena

Per mantenersi in equilibrio e far circolare bene l'aria nell'organismo. Tenere rientrato (Han) il petto (Hsün) significa tenerlo (naturalmente) un poco in dentro in modo da facilitare la discesa e la concentrazione del Ch'i nel Tan Tien (respirazione diaframmatica). Evitate di gonfiare il torace altrimenti il Ch'i si concentrerà nel petto; la parte superiore del vostro corpo diventerà allora pesante e quella inferiore leggera. Ciò farà perdere la stabilità ai vostri piedi. Per stirare (Pa) la schiena (Pei) bisogna far aderire a essa il Ch'i. Se teniamo rientrati il petto la nostra schiena si stirerà naturalmente e potremmo emettere forza (Li) dalla colonna vertebrale. Saremo allora “senza rivali”.

NonSoloFitness pubblica 'A scuola di salute': intervista all'autore

NonSoloFitness pubblica 'A scuola di salute': intervista all'autore

Buongiorno Fabio, prima di iniziare parlaci un po' di te

Ho conseguito la laurea in Scienze motorie all'Università Kore di Enna nel 2012 con il massimo dei voti e la lode. Fin da subito il mio interesse si è indirizzato al tema posturale, da lì è nata la mia prima pubblicazione "Postura e attività motoria" edita da Aracne editrice.

Attualmente sto conseguendo una seconda laurea in Podologia presso l'Università di Roma Tor Vergata. Essendo il piede uno dei protagonisti principali del corpo umano, del movimento e quindi della postura ho deciso di approfondire e dedicare il mio studio ad esso. Il mio desiderio è quello di unire ed integrare I miei due indirizzi di studio in un'unica professione, seguendo una visione olistica del corpo umano.

Corpo e mente: differenze tra Oriente e Occidente

Corpo e mente: differenze tra Oriente e Occidente

Pensiero occidentale e orientale sono stati molto distanti per millenti, ma nell'ultimo secolo sono stati protagonisti di una lenta marcia di avvicinamento.

Ciò che ha condizionato questi due mondi è senz'altro stato il modo con cui hanno guardato la vita e nella fattispecie il corpo.