Acqua: sai cosa bevi?
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Acqua: sai cosa bevi?

In estate il consumo di acqua aumenta in maniera notevole. Ma sai cosa è contenuto nella bottiglia? Imparara a leggere le etichette e ..

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Acqua: sai cosa bevi?

Estate, tempo di grande caldo, e mai come questi ultimi anni il caldo estivo ha superato temperature record.

Uno dei modi migliori per contrastare le alte temperature, e al contempo evitare la disidratazione, è quello di mangiare cibi leggeri e ricchi di liquidi e bere tanta acqua.
Per i patiti della minerale, ecco come leggere le etichette sulle bottiglie, e quale significato hanno i valori riportati.

  • Residuo fisso. È la quantità di sali minerali rimasti dopo aver fatto evaporare un litro d'acqua a 180° C. Per valori inferiori a 50 mg l'acqua viene classificata minimamente mineralizzata; se il residuo fisso è compreso fra 50 e 500 mg è di tipo oligominerale, con pochi sali ed effetti diuretici; se è compresa tra 500 e 1.500 mg l'acqua è minerale; superati i 1.500 mg ha precise peculiarità terapeutiche.
  • pH. Esprime l'alcalinità o l'acidità dell'acqua: è preferibile scegliere acqua con un valore compreso fra 6,5 e 7,5.
  • Bicarbonato Se supera i 600 mg. per litro, l'acqua aiuta la digestione e tende ad attenuare l'acidità gastrica.
  • Ferro. La sua presenza non dovrebbe superare 1 mg/l. a meno che non ci sia una situazione di un'anemia da parte di chi fa uso di questo tipo di acqua.
  • Solfati. Normalmente la loro quantità deve restare sotto i 50 mg/l. Con valori molto alti, l'acqua è indicata esclusivamente per chi soffre di disturbi gastrici biliari.
  • Calcio. Fa bene alle ossa e valori sopra i 150 mg/l sono consigliati a ragazzi in fase di crescita e donne in stato interessante o in menopausa.
  • Fluoro. Non deve mai superare 1,7 mg/l e un suo valore alto è consigliato alle donne incinta e a chi ha problemi di decalcificazione ossea.
  • Magnesio. Valori superiori ai 50 mg hanno effetti lassativi.
  • Sodio. Il suo valore ideale è intorno ai 20 mg/l, oltre i 200 mg va bene per soggetti che praticano molto sport, mentre valori molto bassi sono indicati soprattutto per chi soffre di ipertensione e ritenzione idrica.
  • Nitrati, Nitriti, Ammoniaca, Piombo e Cadmio. Occorre fare molta attenzione perché possono essere indice di sostanze inquinanti nell'acqua, ad esempio sostanze organiche, scarichi industriali o inquinamento ambientale. Per legge ci sono valori di tolleranza per la messa in vendita, tuttavia sarebbe meglio se non fossero presenti.