Aspartame: quali rischi per la salute?
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Aspartame: quali rischi per la salute?

Molto di frequente, nella affannosa ricerca di introdurre un minore quantitativo di calorie, ci si lascia sedurre da alimenti light o ..

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Aspartame: quali rischi per la salute?
presenti negli alimenti a basso contenuto calorico, o privi di zuccheri aggiunti.

L'elemento che viene meno tenuto in considerazione è dato dal rischio connesso all'introduzione di tali dolcificanti. Rischi spesso ben più gravi del potenziale aumento di peso.
Tra gli imputati alla sbarra uno dei più controversi è l'aspartame.L'aspartame ha un potere dolcificante duecento volte superiore a quello dello zucchero comune. è frutto della combinazione di due aminoacidi: l'acido aspartico e la fenilalanina, e contiene anche una piccola quantità di metanolo.

La procedura di approvazione di questo additivo è stata molto criticata […] anche perchè alcuni studi del tempo (condotti su topi) suggerivano la possibilità che la sostanza contribuisse a generare tumori al cervello e lesioni cerebrali. […] Nel corso degli anni, studi scientifici dai risultati contrastanti, si sono susseguiti a proposito dell'aspartame. […] Nel luglio 2005 l'Istituto Ramazzini di Bologna ha pubblicato sull'European Journal of Oncology un articolo che dimostrava come l'aspartame fosse effettivamente cancerogeno(1) .
Nel corso del test, curato dal dottor Morando Soffritti, durato 3 anni, sono state somministrate dosi di aspartame in misura paragonabile a quelle di un abituale consumatore, a 1800 topi.
Il risultato emerso è stato l'aumento considerevole di casi di linfomi, leucemie e cancro mammario. Il rischio sarebbe presente per un consumo frequente e nella misura pari a 20mg di aspartame per kg di peso corporeo. Molto meno delle soglie massime raccomandate in Europa e in USA, che si attestano rispettivamente sui 40 e 50 mg/Kg di peso corporeo.

Ci sentiamo di affermare che è un dato da prendere in seria considerazione la prossima volta che scegliamo un dolcificante al posto del saccarosio, magari nel caffè del dopopasto che, spesso, segue ben più caloriche pietanze. In questo caso all'inutilità di eliminare una quota calorica irrilevante, ci esponiamo a rischi per la nostra salute.