Dimagrire: la classifica dei sistemi peggiori per perdere peso
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Dimagrire: la classifica dei sistemi peggiori per perdere peso

Dalla calamita acchiappa grassi alle creme che li bruciano, 24 anni di inganni nel settore delle diete dimagranti, a quale hai abboccato anche tu?

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Dimagrire: la classifica dei sistemi peggiori per perdere peso

Il desiderio di un corpo tonico ed asciutto è senza dubbio in cima alle aspettative di ciascuno, e non vi è timore di smentita se si afferma che la ragione principale che muove l'intero settore del fitness è proprio la voglia di perdere peso e, in seconda battuta, migliorare le proprie masse muscolari.

Quando un desiderio è così fortemente sentito gli strateghi del marketing non si fanno attendere e, facendo leva sull'atavica pigrizia del genere umano, condita da una discreta dose di ingenuità (o stupidità direbbe qualcuno), si ingegnano su come sfornare sempre nuovi rimedi che possano far gola a quanti desiderano raggiungere ottimi risultati, senza troppa fatica o sacrificio, e ovviamente nel minor tempo possibile.

Poiché la macchina umana, nella sua complessità, non può sottrarsi alla celebre regola del nulla si crea nulla si distrugge tutto si trasforma, pare evidente che qualsiasi rimedio non preveda di avviare la "trasformazione" del grasso in eccesso nell'unica cosa in cui può essere trasformato, ossia energia, non può che essere una semplice truffa!

Nonostante un po' di buonsenso dovrebbe far subito comprendere che non esistono e non possono esistere metodi miracolosi, si preferisce dar credito a quanti ogni anno propongono nuove incredibili soluzioni, anzi… come la pubblicità del celebre detersivo che lava più bianco del bianco, ogni nuova moda sul versante alimentare sembra sempre più efficace di quella che l'ha preceduta (che pure sembrava essere la più efficace di tutte).

È difficile riuscire a contrastare un simile dilagare di proposte, perché ogni tentativo di spiegarne l'inefficacia prevede inevitabilmente un minimo di competenze tecniche e quindi uno studio serio. Ma se davvero si avesse voglia di informarsi e studiare, allora non si sarebbe pigri per definizione. Amiamo le informazioni semplici, anche quando inverosimili, la semplicità ci tranquillizza e ci fa sentire subito esperti e competenti. Tutto questo crea terreno fertile per chi inventa e vende regimi alimentari e soluzioni attraenti quanto inefficaci.

Non tutti scelgono di stare a guardare, e così l'Helty Weight Network, attraverso le pagine del suo sito dedicato proprio all'alimentazione e ai disturbi alimentari, ha deciso di pubblicare un'isolita classifica stilata assieme al Consiglio Nazionale contro le frodi sulla Salute. La classifica, come riportato testualmente, assegna una sorta di "premio al contrario" ai rimedi proposti negli ultimi 24 anni e ritenuti vere e proprie truffe nel settore della perdita di peso, affermando inoltre che i rimedi elencati possono aiutare soltanto ad alleggerire il portafogli degli incauti acquirenti. Riportiamo di seguito un piccolo estratto della lunga classifica, indicando i metodi più bizzarri.

Si parte del 1989 quando fa la sua comparsa la calamita acchiappa grassi (tutt'ora in vendita in alcuni siti a meno di 6,00 euro al pezzo) capace di assorbire i grassi in eccesso presenti nel cibo semplicemente passandola sopra prima di cuocerli o mangiarli.

Il 1990 permette il lancio delle Cal-Ban 3000, pillole che avrebbero dovuto indurre un senso di sazietà, ma divenute molto più famose perché sospettate di provocare pericolose ostruzioni intestinali.

Nel 1991 vedono la luce delle compresse ispirate ai prodotti derivati dalle api, misti a pompelmo e glucomannano. Di scientifico non avevano nulla e si ispiravano addirittura alla mitologia greca nel tentativo di comprovarne l'efficacia. Tanto valeva invocare Zeus.

Nel 1992 debutta uno spray da spruzzare in bocca per ridurre l'appetito, nello stesso periodo in Italia si vendeva una tavoletta in gomma che avrebbe dovuto avere le stesse proprietà semplicemente annusandola, scomparse pochi mesi dopo rivelandosi un flop. La maggior parte delle tavolette venne data in omaggio con una famosa rivista sul fitness, ancora oggi in vendita nelle edicole a cadenza mensile. La tavoletta in omaggio non c'è più, ma ogni mese spiega come ottenere addominali scolpiti in 3 mosse e questo basta per spingere migliaia di fedeli acquirenti a tirare fuori i soldi. Di sicuro sono un po' distratti se continuano a non accorgersi che il contenuto della rivista, immagini a parte, è sempre lo stesso dal 1992!

Il 1994 è l'anno dei finti termogenici, che riscuotono ancora oggi grande successo malgrado sulle confezioni sia chiaramente scritto che non servono a dimagrire, che non occorre confondere le immagini riportate con gli effetti reali, che funzionano solo con un regime dietetico controllato abbinato a regolare attività fisica ecc. ecc. Ma perché leggere l'etichetta, non basta comprarli e mandare giù? Non faranno dimagrire ma di sicuro sono stati tra i prodotti che, più di altri, hanno contribuito a trasformare una celebre azienda americana nell'attuale colosso multinazionale che, sfruttando il multilevel marketing ha capito che i polli da spennare non sono solo quelli che vogliono dimagrire senza sacrifici, ma anche quelli che pensano di potersi arricchire vendendo i prodotti a parenti e amici.

E così di anno in anno, sfogliando la classifica ci si rende conto di cosa si sia disposti a fare, e quanto si sia disposti a spendere, pur di non allenarsi un po' e controllare meglio quello che si mangia. Consultando la classifica intera (disponibile qui) quasi tutti riconosceranno di essere incappati in qualcuno di questi rimedi miracolosi. Dagli anticellulite alle creme dimagranti, dal cromo picolinato alle diete low-carb (che ancora spopolano), dalla dieta Hollywood per dimagrire in 48 ore, all'ipnosi.

Non è stata ancora compilata la classifica dei peggiori ritrovati per 2014, sarà disponibile tra qualche settimana, di sicuro non sarà semplice assegnare i nuovi premi, perché di maghi dell'alimentazione e delle diete miracolose ne spuntano fuori con una rapidità incredibile.

Per fortuna qualcosa sembra essere cambiato, ultimamente ho sentito parlare di una dieta che prevede di alimentarsi come gli uomini primitivi, ignorando che il nostro corpo (ed anche il nostro cervello) è completamente diverso da quello degli uomini preistorici, ad esempio da quelli vissuti nel paleolitico. Nonostante la comunità scientifica si dichiari fondamentalmente contraria devo dire che questa volta, pur non avendo letto ancora come funziona questo sistema, devo dire che secondo me può davvero funzionare, credo che questa volta finalmente si possa sfruttare una dieta per dimagrire ed aumentare la massa muscolare contemporaneamente. Immagino infatti che sia previsto di poter mangiare solo carne animale (ricca di proteine) e poche altre cose, ed ovviamente che per poterla mangiare, proprio come gli uomini primitivi, occorra però andare a cacciarla a mani nude direttamente nella foresta. Si, credo davvero che, se si basa su questo principio, sebbene scomoda da applicare possa funzionare alla grande!