Il latte alleato nelle diete
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Il latte alleato nelle diete

Il latte è un nuovo grande alleato nelle diete ipocaloriche e per chiunque desideri dimagrire senza troppe sofferenze.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Il latte alleato nelle diete

La notizia è recente, ed è di quelle che mettono tutti d'accordo, secondo una recente valutazione da parte dei ricercatori australiani appartenenti al Weber Shandwick Worldwide, il latte assunto a colazione aiuterebbe a contrastare il rapido insorgere della fame nel corso della giornata, contrastando la tentazione di assumere altro cibo. A tutto vantaggio di chi aspira a mantenere una forma perfetta, e che spesso comincia con l'eliminare dall'alimentazione tutti gli alimenti che contengono una pur modesta quantità di grassi, compreso quindi il latte ed i suoi derivati. La notizia è stata pubblicata sulla rivista American Journal of Clinical Nutrition, quindi da prendere con la massima considerazione.

Le ragioni che determinano questa situazione erano probabilmente di facile intuizione. Proteine, carboidrati e grassi hanno tempi differenti sia nel far percepire la sensazione di sazietà, sia nel ritardare la comparsa della fame.
I grassi del latte quindi agirebbero contrastando questa situazione ed aiutando ad evitare nuovi introiti calorici. Lo studio ha coinvolto 34 soggetti in sovrappeso, alcuni sono stati invitati a fare colazione con del latte, altri con succo di frutta. Gli appartenenti al primo gruppo, all'ora di pranzo, hanno assunto meno cibo, quindi meno calorie, contando proprio sul vantaggio fornito dal latte.

Spiace notare che buona parte dei media che hanno rilanciato la notizia abbiano attribuito il ruolo di "spezza fame" alle proteine, che invece sono l'elemento che con maggiore latenza induce sazietà.
Di sicuro però, anche le proteine giocano un ruolo chiave in chi vuole perdere peso, poiché contrastano in parte la perdita di massa magra nei soggetti a dieta ipocalorica.

La rivalutazione del latte per la colazione, anche da parte di chi segue un regime calorico ristretto, è di grande importanza. Spesso ad una mancata assunzione si associa una carenza di calcio e di vitamina D. Entrambi elementi di enorme importanza nel processo costitutivo delle strutture ossee.

Una carenza di calcio, soprattutto nei primi 20/25 anni della vita, può costituire un maggiore elemento di rischio nei confronti dell'osteoporosi in età adulta. Fenomeno ancor più marcato nei soggetti di sesso femminile, spesso proprio i più attenti alla linea nella prima fase della vita.

L'auspicio è quindi di un'inversione di tendenza che permetta al contempo di controllare l'assunzione di cibo, e quindi di calorie, senza compromettere il fabbisogno di calcio e vitamina D, e senza grandi sofferenze dovute ai morsi della fame.