La dermatoglifia
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

La dermatoglifia

Cos'è la dermatoglifia? Per dermatoglifia di intende la scienza che interpreta le impronte digitali quali espressione della combinazione del patrimonio genetico e dell'ambiente fetale in cui l'embrione cresce

Autore:
Ultimo aggiornamento:

La dermatoglifia

La dermatoglifia è la scienza che interpreta le impronte digitali quali espressione della combinazione del patrimonio genetico e dell'ambiente fetale in cui l'embrione cresce. Ha trovato applicazione nel campo dell'antropologia, nella medicina legale, nella sanità e in ambito sportivo.

Le impronte digitali si formano tra la dodicesima e la ventiquattresima settimana di gestazione, nel sistema nervoso dello strato blastogenico dell'ectoderma e rimangono immutabili durante tutta la vita.

La metodica si è sviluppata in Brasile e in Russia e le indagini hanno portato ad individuare caratteristiche comuni, ben identificabili e classificabili nelle impronte digitali umane.

Intanto c'è da sottolineare la considerazione che le creste dermiche non disegnano un tracciato casuale ma 3 figure architettoniche ben precise il cui numero e la cui distribuzione sarebbe quindi indicativo di caratteristiche fisiche ben precise: sia positive (le doti naturali), sia negative (la predisposizione genetica ad alcune patologie). Le forme si possono poi differenziare a seconda dell'orientamento.

le tre possibili strutture delle impronte digitali: Arco, Cappio e Verticolo nelle loro varianti
Le tre possibili strutture delle impronte digitali: Arco, Cappio e Verticolo nelle loro varianti

Le impronte sono quindi:

  • Classificabili
  • Immutabili
  • Uniche (neanche i gemelli omozigoti posseggono impronte uguali)
  • Estremamente variabili (le combinazioni delle 3 forme sono illimitate)

Numerose le patologie già studiate: cancro, ipertensione, diabete, per citarne qualcuna.

È del 2016 uno studio condotto in Brasile che mostra e quantifica la differenze tra il numero delle linee presenti sul quinto dito della mano destra di un gruppo di soggetti con ipertensione rispetto a un gruppo di controllo.
Statisticamente significativa anche la differenza tra il numero di cappi ulnari sul quinto dito della mano sinistra e sul quarto e quinto dito della mano destra.

Dermatoglifia e sport

Gli studi portati avanti sono arrivati poi a studiare le potenzialità atletiche degli sportivi, conducendo test su 12.000 atleti, compresi diversi campioni olimpionici. L'analisi dei risultati ha confermato significative e quantificabili differenze tra le impronte degli atleti e quelle dei soggetti meno sportivi.
Alla XXV International Conferenze of Sports Rehabilitation and Traumatology sono stati presentati i risultati degli studi condotti su un gruppo di atleti di futsal (calcio a 5) e sulla "Revista Andaluza de medicina del Deporte" sono stati pubblicati quelli condotti su un gruppo di atleti di basket.

I risultati di questi e di altri studi evidenziano l'associazione tra delle peculiarità delle impronte e delle precise capacità atletiche: forza, resistenza, velocità e coordinazione.

Sintesi del risultato di un'ultramaratoneta
Sintesi del risultato di un'ultramaratoneta

Di facile predicibilità anche la caratteristica di lateralità destra, sinistra o di ambidestria. Per la lateralità dell'arto inferiore, si studia ad esempio il 5° dito (altro studio pubblicato negli atti della XXV International Conferenze of Sports Rehabilitation and Traumatology).

Le informazioni fornite dai test dermatoglifici sono già utilizzate da diverse società sportive (F.C. Barcellona, per esempio) per agevolare l'individuazione precoce delle giovani promesse, del ruolo più idoneo all'interno di una squadra e per personalizzare al massimo la metodica di allenamento al fine conseguire il miglior risultato possibile sfruttando al meglio le potenzialità individuali.

L'esecuzione dell'esame è semplice: si procede attraverso le scannerizzazioni dei 10 polpastrelli delle dita delle mani sulle quali l'operatore, una volta riconosciuta la forma evidenzia dei punti "architettonici" ben precisi a partire dai quali un software (ad esempio FingerBrain®) elabora un'analisi.