Storia del Napoli
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Storia del Napoli

Napoli, principali cenni storici sulla formazione calcistica

Autore:
Ultimo aggiornamento:

È il 1905: in una Napoli vetrina mondana d'Europa (celebre la partita a scacchi tra Lenin e Massimo Gorki) approda il pallone. Nel 1925 la fondazione tra due squadre cittadine porta alla nascita del Calcio Napoli. La bandiera dei primi anni è Attila Sallustro, che conduce la squadra alle prime posizioni del campionato.

Sallustro e Vojak realizzano oltre 200 reti: lo scudetto però non arriva. Ci proverà, nel dopoguerra, Achille Lauro. "O' comandante" anticipa tendenze dei giorni nostri, sfruttando il marchio della squadra di calcio per la sua carriera politica. Sotto elezioni, arrivano i grandi campioni (tra cui Amedeo Amedei e Jeppsson, pagato 105 milioni); non arriva però il sospirato tricolore.
Negli anni successivi il Napoli coglie risultati alterni, fino alla fine degli anni 60 quando la squadra si piazza seconda. L'anno dopo però lo spogliatoio entra in crisi ed il Napoli torna ad occupare un ruolo di secondo piano.

Negli anni 80 arriva il periodo di gloria del calcio partenopeo: Corrado Ferlaino riesce a portare sul golfo le magie del piu grande calciatore che abbia mai militato in Europa, Diego Maradona. Con lui l'intera città impazzisce, al punto da dubitare su chi tifare durante le sfide Italia-Argentina.
Maradona non è solo un fenomeno popolare, ma l'elemento chiave di una squadra finalmente matura per il calcio che conta. Nel 1987 arriva il primo, storico, scudetto; 2 anni dopo la Coppa UEFA; nel 1990 il secondo titolo dopo un'esaltante testa a testa con il Milan di Gullit e Van Basten.
La favola di Diego Maradona termina nel peggiore dei modi, piu' per problemi esterni che per reale declino. Con lui, inizia la crisi del calcio partenopeo; il San Paolo deve accontentarsi di qualche emozione sotto le guide di Lippi e Boskov, per poi scendere rovinosamente nelle retrovie, in serie B, nel fallimento societario.
Con De Laurentis il pubblico torna a sperare.