Storia dell'Atalanta
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Storia dell'Atalanta

Atalanta, principali cenni storici sulla formazione calcistica

Autore:
Ultimo aggiornamento:

L'Atalanta nasce come società plurisportiva, dedicata a calcio, ginnastica e scherma. La componente calcistica prevale e già nel 1930 la squadra ottiene i primi risultati, alternando continui sali-scendi tra serie A e serie B. Nel 1981 scende fino alla C1, per poi risalire l'anno successivo.

Il periodo d'oro dell'Atalanta è a cavallo tra gli anni 80 e 90. Nel 1986/87 retrocede in serie B ma conquista il diritto di partecipare alla Coppa delle Coppe (finale persa con il Napoli già campione d'Italia). L'anno dopo si trova cosi nella strana situazione di giocare in serie cadetta e rappresentare l'Italia in Europa: sarà l'ultima italiana ad uscire di scena dalle coppe, eliminata in semifinale dal Malines.

Negli anni successivi l'Atalanta ottiene ottimi piazzamenti in serie A, sesta nel campionato 88/89, ed alcune partecipazioni nelle coppe europee.
Ultimamente l'Atalanta è tornata a recitare il ruolo di "saliscendi": retrocessa in B nel 2003, promossa in A nel 2004, retrocessa nel 2005, promossa di nuovo nel 2006.

Da ricordare

  • la Coppa Italia conquistata nel 1963;
  • la semifinale di Coppa delle Coppe nel 1988;
  • ben 14 trofei giovanili tra Primavera, Allievi, Giovanissimi e torneo di Viareggio;

Da dimenticare

Quello che rammarica un tifoso dell'Atalanta non è tanto un "bidone", un acquisto sbagliato, quanto scorrere la lista dei tanti campioni nati nel vivaio bergamasco e poi ceduti per far fortuna altrove.
Sono nati, o comunque passati, in maglia bergamasca campioni del calibro di Savoldi, Cabrini, Fanna, Scirea, Mondonico, Mutti, Donadoni, Mandorlini, Alemao, Lentini, Filippo Inzaghi, Ganz, Vieri, Doni, Ventola. Se un giorno qualcuno volesse investire nell'Atalanta, non dovrebbe andar lontano per cercare campioni da arruolare.

La bandiera

Difficilmente, negli anni 80, una squadra italiana poteva identificarsi in un campione straniero: sia per il fatto che non era possibile tesserare piu di 2 giocatori provenienti dall'estero, sia perchè erano anni fiorenti per i nostri vivai.

Glenn Peter Stromberg

Eppure Glenn Peter Stromberg, arrivato nel 1984, diventa la bandiera di un'intera città (non a caso, dopo il ritiro, acquisterà casa a Bergamo). Per 8 stagioni accompagnerà l'Atalanta nei suoi anni d'oro, fino alla pazzesca impresa della semifinale di Coppa delle Coppe 1998, conquistata mentre la squadra era in serie B.