Storia dell'Empoli
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Storia dell'Empoli

Empoli, principali cenni storici sulla formazione calcistica

Autore:
Ultimo aggiornamento:

L'Empoli viene fondato nel 1920, ma soltanto sul finire degli anni 80 riesce ad entrare nel calcio che conta. L'esordio in serie A avviene nel campionato 1986/87, e l'inizio è clamoroso: dopo 2 giornate l'Empoli è in testa assieme alla Juve.

La terza giornata propone lo scontro diretto che i bianconeri vincono soltanto nei minuti finali. A seguire ben 6 sconfitte consecutive, un attacco poco prolifico e una salvezza conquistata all'ultima giornata.

L'anno dopo arriva l'ultimo posto, complice anche una penalizzazione di 5 punti. Nel 1989 l'Empoli torna in C1.
La squadra vive momenti di gloria tra il 1995 e il 97, quando ottiene una doppia promozione ed approda di nuovo in A. Il resto è storia dei giorni nostri: l'Empoli ricopre il ruolo di squadra "sali-scendi" con continue retrocessioni e promozioni. Finora non è riuscita a mantenere la massima serie per più di 2 anni.

Da ricordare

  • il doppio salto di promozione dalla C1 alla A tra il 95 e il 97;
  • l'undicesimo posto dello scorso anno, record per la società;
  • i gol di Tavano, marcatore più prolifico;

Da dimenticare

Difficile digerire la delibera CAF con la quale l'Empoli venne penalizzato di 5 punti per il campionato 1987/88. Senza quella sanzione, la squadra avrebbe ottenuto la salvezza ed avrebbe potuto disputare il suo terzo campionato di fila nella massima serie. Un risultato che i toscani non sono mai riusciti ad ottenere.

La bandiera

Antonio Di Natale è uno dei migliori prodotti del vivaio toscano. Grazie ai suoi gol la squadra ha ottenuto la memorabile promozione in A nel 2002.
Soltanto recentemente Tavano ha superato il suo record di reti segnate con la maglia dell'Empoli in serie A, arrivando a quota 23 (Di Natale era arrivato a 18).