Brucia 1700 Kcal l’ora con le Illopi Repeiziton, il fitness degli astronauti russi!
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Brucia 1700 Kcal l’ora con le Illopi Repeiziton, il fitness degli astronauti russi!

Una scoperta sensazionale che non mancherà di gettare scompiglio fra tutti gli esperti ed appassionati di fitness. Un’attività fisica capace di far bruciare ben 1700 Kcal per ciascuna ora, portando a rapidissimi dimagrimenti!

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Brucia 1700 Kcal l’ora con le Illopi Repeiziton, il fitness degli astronauti russi!

Una scoperta sensazionale che non mancherà di gettare scompiglio fra tutti gli esperti ed appassionati di fitness. Un'attività fisica capace di far bruciare ben 1700 Kcal per ciascuna ora, portando a rapidissimi dimagrimenti, tra l'altro mirati proprio sulle masse adipose più problematiche. La notizia è recentissima, e presto molti esperti saranno chiamati ad esprimersi. Sembra che a mettere in atto questa singolare disciplina sportiva siano stati degli scienziati russi, che già da tempo la impiegavano per risolvere alcuni problemi legati agli ufficiali dell'aeronautica impegnati nei corsi di addestramento per soggiornare periodi medio lunghi nelle stazioni orbitanti. Tale richiesta prevede la necessità, in alcuni casi, di ridurre rapidamente il loro peso per non creare ulteriori problemi logistici durante il lancio. Il nome in codice della disciplina è Illopi Repeiziton, difficile da pronunciare, ma certamente destinata a far parlare di se.

Ma partiamo dall'inizio. Questa sera, 2 giugno, al TG5 delle 20.00 è andato in onda un servizio sul fitness, che certo in tanti hanno visto, con interviste a celebri istruttori di fama mondiale, e l'interessante notizia, proferita anche da uno di questi esperti, di una nuova disciplina sportiva, capace di far bruciare più di 1000 Kcal l'ora, facendo perdere il grasso proprio sulla zona dei fianchi.

Orbene, utilizzare 1000Kcal l'ora, significa svolgere un'attività fisica il cui impegno in termini di MET (il MET è proprio l'unità di misura dell'impegno fisico, e corrisponde a 1Kcal/Kg/h e a 3,5ml di 02 per kg di massa corporea) implica svolgere un lavoro che, nell'ipotesi di un uomo (o una donna) del peso corporeo di 70Kg, sarebbe pari a 14,20 MET di intensità. Ovvero attività più intense del canottaggio agonistico, che equivale solo (si fa per dire) a 12 MET, ma che è estremamente improbabile protrarre per un'ora di seguito. Un lavoro più dispendioso di una corsa con andatura media di 12Km/h, più del doppio di una lezione di ginnastica aerobica ad alto impatto, che ha un valore di 7 MET.

Insomma un tale impegno agonistico, ed una tale richiesta di ossigeno, che è praticamente impossibile sostenere finalizzando il lavoro al dimagrimento poiché, è evidente, occorre essere già degli atleti di altissimo livello per gestire tali richieste. Per non parlare del problema di smaltire efficacemente il calore prodotto. Un atleta di altissimo livello, tra l'altro, è improbabile che sia anche in sovrappeso! Quindi tale attività è impraticabile proprio da chi è attratto dal consumo energetico (sempre ammesso che sia verosimile). Quanto alla possibilità, per riprendere le parole degli esperti intervistati (ovviamente esperti americani, perché da noi, l'idea stessa che uno sia un esperto americano già fa crescere la stima e la soggezione) che il dimagrimento si sarebbe realizzato esclusivamente nella regione addominale, ricordiamo sempre che il dimagrimento localizzato non esiste. In ogni caso il grasso viene prelevato prevalentemente dalle zone di stoccaggio. Ed essendo la regione addominale una di queste, è evidente che sarà prelevato soprattutto da qui.

Allora come è possibile che gli astronauti russi siano riusciti a mettere in sesto una disciplina capace di far utilizzare ben 1700Kcal in un'ora se già impiegarne 1000 è così complesso? È incredibile ma sembra che con queste Illopi Repeiziton sia possibile. Ma andiamo oltre.

Qualche sera fa, nel salotto buono di Bruno Vespa, nel corso della trasmissione Porta a Porta, in mancanza di nuovi omicidi, si è deciso di fare una puntata su come... ammazzare i kg di troppo in vista dell'estate. Praticamente dalla posa del plastico alla posa plastica! Un esimio scienziato, a dirla tutta un po' incompreso da parte degli altri ospiti, vaneggiava, esprimeva il suo parere avverso rispetto all'attività fisica. Poiché, sosteneva, a causa del lavoro muscolare si avvia una maggiore produzione di acido lattico, la cui conversione in glucosio determina l'innalzamento della glicemia, il rilascio di insulina, e quindi fortissime probabilità di ingrassare appena lo sportivo si fosse allenato e poi alimentato. A riprova di tutto questo citava quante persone, dopo un mesetto di allenamento, si ritrovano a pesare uno o due Kg in più!

Gli altri esperti intervistati ovviamente sostenevano la più classica delle controffensive, ossia l'incremento delle masse muscolari e quindi il fatto che il neosportivo risultasse più pesante. Dopo appena 2 minuti di battibecco, con fior di professoroni in studio, ho preferito spegnere, perché di li a poco mi sarei messo a piangere. Difficile capire quale dei due schieramenti fosse più assurdo.

Il versante dell'acido lattico promotore dell'adipe, senza minimamente tener conto che solo determinate attività ne causano la produzione, e soprattutto che il suo impiego, sottoforma di piruvato, può avvenire direttamente nel corso di una fase ossidativa che consegue una glicolitica, evitando del tutto la fermentazione e quindi il rilascio di acido lattico. Ignorando che se tale processo fosse vero, lo sport non sarebbe un aiuto a prevenire il diabete, ma anzi dovrebbe semmai promuoverlo. Invece da anni si cerca di sensibilizzare i soggetti a rischio proprio nel compiere lavoro fisico.

Del resto difficile resistere anche alle teorie dell'altro schieramento. È infatti altrettanto ridicolo attribuire un aumento di uno o due Kg di massa muscolare nel giro di appena un mese in un sedentario sovrappeso. Possibile che nessuno si sia ricordato della banalissima supercompensazione? Del fatto che il lavoro fisico determina un incremento nello stoccaggio di glicogeno epatico e muscolare, e che quindi l'incremento del peso possa semplicemente essere dovuto a questo elemento?

Certo anche in questo caso sarebbe stato davvero troppo banale. La verità è che se uno non la spara grossa, ma proprio grossa, è difficile fare un minimo di ascolto (o di vendite nel caso delle riviste). Quindi occorre alzare sempre più l'asticella se si punta ad un minimo di celebrità mediatica. Non occorre essere davvero un esperto. Le notizie ovvie e scontate non piacciono a nessuno. Cose del tipo: "Hai 10 Kg di sovrappeso? Non c'è pillola o attività miracolosa che possa farteli perdere, devi fare attività fisica, mangiare meno, e perdere peso in modo graduale. Poniti come obiettivo di perderli in un anno, e sarai dimagrito sul serio, non solo divenuto meno pesante. Che non è la stessa cosa." Ma che noia sarebbe!

Così, anno dopo anno, aspettiamoci sempre una situazione che peggiora, una gara a chi la spara più grossa. I veri esperti poi, probabilmente sono a tal punto schifati dalla situazione, che preferiscono restare nell'ombra.

Ma torniamo alla nostra notizia di apertura, della disciplina sportiva messa a punto dagli scienziati russi, capace di far bruciare 1700 Kcal l'ora, usando solo grasso localizzato. Dicevamo che il nome in codice era illopi repeiziton, per saperne di più vi basta leggerlo al contrario, sfruttate questo segreto e avrete centinaia di clienti, sarete anche voi esperti e famosi grazie alle illop i rep eiziton. La gente non aspetta altro!