Qual è l'allenamento migliore per dimagrire, e come evitare le bugie su allenamento e alimentazione?
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Qual è l'allenamento migliore per dimagrire, e come evitare le bugie su allenamento e alimentazione?

Per quale motivo le sciocchezze pseudoscientifiche su allenamento e alimentazione sono così difficili da rimuovere? E sapevi che le persone ambiziose e quelle opportuniste dimagriscono in modo diverso?

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Qual è l'allenamento migliore per dimagrire, e come evitare le bugie su allenamento e alimentazione?

A breve sarà di nuovo primavera, il caldo di questi giorni, il sole e le belle giornate offrono al settore del fitness un nuovo inizio d'anno con una ripresa delle iscrizioni. Neofiti e "sportivi di ritorno" consultano i planning con le discipline sportive, i corsi, gli orari, in cerca della soluzione ottimale. Non è un caso che le domande più frequenti siano proprio la richiesta di quale sia l'allenamento migliore e come fare per dimagrire. Il problema connesso al primo dei due quesiti è che la domanda stessa è sbagliata. Non esiste l'allenamento migliore o la disciplina migliore, esistono gli obiettivi, che sono ben altra cosa. Che siate degli sportivi appassionati, degli imprenditori del fitness, o semplicemente alle prime armi con l'allenamento, partite da questo, fissate fin da subito un obiettivo, dedicate del tempo a selezionarlo e poi concentratevi solo verso il suo raggiungimento. Non disperdete tempo ed energie cercando affannosamente di conquistare mille vette o cambiando percorso ogni volta che quello che state percorrendo vi appare troppo duro, non modificate ogni settimana il vostro punto d'arrivo né ridimensionate le aspettative, creereste solo confusione, disperdereste energie senza riuscire a raggiungere alcun risultato, finendo col deprimervi perdendo ogni entusiasmo. La mancata individuazione dell'obiettivo è il principale motivo di fallimento, quale che sia l'ambito in cui volete collocarlo ma, nel settore del fitness che come nessun altro è metafora della vita, vale forse con maggiore vigore. Siate dunque ambiziosi nella scelta, ma poi dedicate il massimo impegno nel tentativo di raggiungerlo, preoccupatevi di dedicare il giusto tempo e il giusto lavoro verso il vostro obiettivo.

Veniamo al secondo quesito, come fare per dimagrire. Dimagrire in effetti è anche un obiettivo, uno dei più desiderati nell'area del pianeta in cui ci troviamo a vivere. La cosa bizzarra è che rappresenta probabilmente uno dei traguardi più semplici da raggiungere, ma prevede di superare uno degli ostacoli più ardui per gran parte del genere umano: la pigrizia. La stessa che impedisce a tanti di raggiungere anche altri obiettivi della vita, rendendo più semplice attribuire le colpe a chi sta loro accanto, o alla fortuna che bacia sempre gli altri. Nel caso del sovrappeso si scomodano altrettante improbabili ragioni, un metabolismo troppo lento, la vita frenetica, poco tempo per allenarsi e, anche qui, quelli che sono magri e in forma lo saranno certamente solo perchè sono stati più fortunati. Spiace dirlo ma sono solo scuse per non ammettere la propria banalissima pigrizia. Infatti proprio sfruttando questo elemento molti scaltri (e sedicenti) esperti non perdono tempo a vendere le loro fantomatiche tecniche e segreti per dimagrire a chi preferisce illudersi di poter comprare una scorciatoia verso il risultato, pensando probabilmente di essere più furbo dei tanti che, per restare in forma, adottano il classico intramontabile metodo di alimentarsi correttamente e mantenere uno stile di vita attivo.

Questi sedicenti guru che, su come dimagrire temo non ne sappiano molto, ma in compenso conoscono bene l'animo umano e il marketing, non fanno che sfornare sempre nuovi metodi, non solo per far dimagrire, ma perfino per far dimagrire dove desiderate, per farvi dimagrire senza fatica, senza ansia, senza dieta, anzi... mangiando quello che volete, quanto volete, quando lo desiderate. Affermano di sapere cosa mangiavano i nostri avi e come alimentarsi per disintossicare l'organismo (un giorno sarebbe interessante sapere anche da cosa esattamente e con quale processo, senza che la spiegazione contenga termini del tipo "aiuta a..." "può contribuire a..." "coadiuva il naturale processo di..."). Bene questi autoproclamati esperti del dimagrimento sono solo degli opportunisti disposti a tutto pur di raggiungere un obiettivo che per loro è ben chiaro: guadagnare.

La cosa stupefacente (neppure tanto a dire il vero) è notare la grande quantità di persone disposte a credere a tutte queste promesse, e a pagare, pur non vedendo mai alcun risultato. Spesso mi capita che colleghi e amici mi chiedano come sia possibile che simili sciocchezze si propaghino con tale rapidità, e come mai nessuno provi a smentirle scientificamente.

La ragione, amici miei, è molto semplice. Le sciocchezze, le stupidaggini pseudoscientifiche, sono come i coriandoli. Provate a lanciarne in aria una manciata, mettono subito allegria, e per farlo basta davvero poco. Ora provate a ripulire raccogliendo un coriandolo alla volta, è notevolmente più faticoso. Ecco dedicare del tempo a smentire ogni singola affermazione, quand'anche non abbia nulla di scientifico alla base, costa molta più fatica e tempo che non spararne di nuove, per questo motivo dopo un po' ci si stanca, perché a buttar coriandoli si fa sempre prima che a raccoglierli. Se ciascuno invece si concentrasse su un reale obiettivo non si farebbe trarre in inganno da chi si limitata a lanciare coriandoli, ed ogni traguardo raggiunto sarebbe anche il punto di partenza per nuove sfide.

Per farlo, come detto prima, occorre essere persone ambiziose, invece in giro si trovano soprattutto opportunisti e, se apparentemente sia una persona ambiziosa che una persona opportunista hanno ben chiaro un obiettivo, c'è una grande differenza: mentre la persona ambiziosa è in grado di sopportare il peso di ogni sacrificio, l'opportunista spesso non è capace di sopportare neppure il peso di uno sguardo, ma questa è davvero un'altra storia.

Scienza e MovimentoEditoriale apparso sul numero 04 della rivista Scienza e Movimento, se non sei abbonato e vuoi ricevere la rivista o saperne di più clicca qui