Breve anatomia dei polpacci
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Breve anatomia dei polpacci

La regione posteriore della gamba è occupata da più muscoli posti su due piani, un piano superficiale ed uno profondo. Il piano superficiale è rappresentato dal "polpaccio" costituito da due muscoli ma da tre ventri muscolari, e per questo è anche denomi

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Breve anatomia dei polpacci

La regione posteriore della gamba è occupata da più muscoli posti su due piani, un piano superficiale ed uno profondo.

Il piano superficiale è rappresentato dal "polpaccio" costituito da due muscoli ma da tre ventri muscolari, e per questo è anche denominato tricipite della sura. I muscoli in questione sono: il gastrocnemio ed il soleo, aventi origine differente, ma convergenti entrambi verso il basso in un unico tendine d'inserzione: il tendine d'Achille (o tendine calcaneale).

Sul tendine calcaneale si inserisce anche un ulteriore muscolo appartenente al gruppo dei muscoli posti sul piano superficiale: il muscolo plantare. Alcuni autori (a dire il vero una esigua minoranza) lo indicano come facente anch'esso parte del gruppo "tricipite della sura". Altri autori lo indicano come muscolo a se stante. Questi muscoli rappresentano i principali flessori plantari della caviglia.

Il gastrocnemio è il più superficiale dei muscoli posteriori della gamba, è formato da due voluminosi e caratteristici ventri muscolari: i gemelli della gamba, rispettivamente mediale e laterale. Originano entrambi dalla zona superiore e posteriore dei condili femorali, naturalmente l'uno al di sopra del condilo mediale e l'altro al di sopra del condilo laterale.

Il gastrocnemio è innervato dal nervo tibiale e rappresenta sia un muscolo flessore della caviglia che del ginocchio. È estremamente potente e può ritenersi il principale muscolo propulsivo nella corsa.

Le fibre che lo compongono sono per il 50% di tipo resistente (di tipo I), per il 20% fibre rapide con metabolismo ossidativo e glicolitico (tipo IIa) e per il 30% di fibre rapide di tipo glicolitico (IIb).