Breve anatomia dei quadricipiti
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Breve anatomia dei quadricipiti

Nella regione anteriore della coscia possiamo individuare: il quadricipite femorale, il muscolo sartorio ed il muscolo tensore della fascia lata. Il quadricipite femorale è il muscolo più voluminoso e robusto fra quelli posizionati in quest’area. È rappr

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Breve anatomia dei quadricipiti

Nella regione anteriore della coscia possiamo individuare: il quadricipite femorale, il muscolo sartorio ed il muscolo tensore della fascia lata.

Il quadricipite femorale è il muscolo più voluminoso e robusto fra quelli posizionati in quest'area. È rappresentato dai quattro ventri muscolari che, in sinergia con il muscolo tensore della fascia lata, estendono l'articolazione del ginocchio. Il quadricipite femorale è composto dal retto femorale, dal vasto mediale, dal vasto laterale e dal vasto intermedio, che si fondono distalmente in un unico tendine terminale.

Il retto femorale è rappresentato da un muscolo di tipo bipennato, origina con due tendini, uno diretto che trova rapporto sulla spina iliaca anteriore, ed uno riflesso che parte dal contorno dell'acetabolo e dalla capsula articolare. I due capi muscolari si fondono rapidamente in un unico ventre muscolare che si dirige verso il basso. Le fibre che lo compongono sono per il 45% di tipo resistente (di tipo I), per il 15% fibre rapide con metabolismo ossidativo e glicolitico (tipo IIa) e per il 40% di fibre rapide di tipo glicolitico (IIb).

Il vasto mediale decorre dall'alto verso il basso in posizione mediale rispetto al femore, dal cui labbro mediale della linea aspra e rugosa trae origine. Le fibre che lo compongono hanno una distribuzione analoga a quella del vasto intermedio, e sono per il 50% di tipo resistente (di tipo I), per il 15% fibre rapide con metabolismo ossidativo e glicolitico (tipo IIa) e per il 35% di fibre rapide di tipo glicolitico (IIb).32

Il vasto laterale decorre dall'alto verso il basso in posizione laterale rispetto al femore. Origina dalla faccia laterale e dal margine anteriore del grande trocantere, dalla linea aspra del femore e dal tendine del grande gluteo. Le fibre che lo compongono sono per il 45% di tipo resistente (di tipo I), per il 20% fibre rapide con metabolismo ossidativo e glicolitico (tipo IIa) e per il 35% di fibre rapide di tipo glicolitico (IIb).33

Il vasto intermedio, è collocabile fra vasto laterale e vasto mediale, origina dal labbro della linea aspra e dalle facce anteriori e laterali del femore.