Il grafico di Duval-Beaupere. Le problematiche a carico del piede.
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Il grafico di Duval-Beaupere. Le problematiche a carico del piede.

Il grafico di Duval-Beaupere e la relazione tra scoliosi e sviluppo del rachide. Esame del piede e sue implicazioni nelle dismetrie corporee.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Il grafico di Duval-Beaupere

Mette in relazione la crescita del rachide con l'evoluzione della scoliosi. Nell'età puberale il rachide cresce rapidamente e con esso il decorso della scoliosi.
L'evolutività è direttamente proporzionale alla precocità dell'insorgenza della deformazione (Cotrel 1971); alcune scoliosi infantili, diagnosticate prima dei 3 anni di età, possono essere regressive (Mehta 1977); l'evolutività dipende dalla forma anatomo-radiologica della scoliosi (Ponseti 1954).

 In generale le curve corte, che comprendono quindi un numero di vertebre ridotto, sono più evolutive. La scoliosi dorsale infantile si aggrava moltissimo, quella giovanile si accentua nella spinta puberale; la scoliosi lombare dell'adolescente si accentua poco (Stagnarà).

Il Piede

Il piede, per la complessità della sua struttura, può essere il responsabile di circa il 90% delle dismetrie, poiché una piccola difformità tra il piede dell'uno o dell'altro arto può variare più o meno considerevolmente la lunghezza dell'intera gamba. Conseguentemente avremo un'anomalia anche a livello pelvico. Nel piede è possibile riconoscere 3 assi: traverso (consente movimenti di flesso estensione), longitudinale (movimenti di rotazione) e longitudinale della gamba (movimenti di prono supinazione). Anche i punti di carico sono 3 e sono individuabili nella zona calcaneale, testa del primo e secondo metatarso, testa del quarto e quinto metatarso. In alcuni casi i punti d'appoggio possono essere 2 o addirittura uno , pertanto il piede subisce una classificazione differente, riassunta nella tabella che segue (le zone in rosso sono i punti d'appoggio.

piede normale piede piatto piede varo il piede è addotto e supinato piede talo la punta è sollevata in alto
   
piede valgo il piede si presenta abdotto e pronato piede equino cade in avanti e in basso punta piede equino-varo