La tecnica Mézières
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

La tecnica Mézières

La tecnica Mézières come metodo di intervento e prevenzione dei problemi a carico dela colonna vertebrale.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Mézières fu una studiosa della cifosi dorsale rigida. Alla base della sua tecnica possiamo individuare i seguenti principi, secondo i quali, bisognerà allungare i muscoli responsabili della statica con esercizi in contrazione isotonica eccentrica durante la fase respiratoria che, per nessuna ragione, dovrà essere inibita.
Gli stiramenti andranno mantenuti il più a lungo possibile. La contrazione isotonica eccentrica provoca l'allungamento di tutto il tessuto connettivo e, a livello fisiologico, causa un aumento del numero di sarcomero e la sostituzione del tessuto fibroso. Altre osservazioni effettuate dal ricercatore portarono a considerare che i muscoli rigidi si deformano per primi e in maniera maggiore rispetto ai muscoli elastici. Si potrà inoltre sfruttare l'antagonismo dei muscoli anteriori sui posteriori per effettuare esercizi di contrazione isometrica concentrica ad ausilio di quelli per la parete dorsale.

Lo stretching per le catene muscolari posteriori andrebbe eseguito solo se desideriamo ottenere un allungamento globale di tutte le catene poiché, la muscolatura articolare posteriore è, per sua natura potente e poli articolare, estendendosi dalla zona occipitale al piede. Pertanto l'allungamento in un punto qualsiasi, determina un allungamento di tutto l'insieme.

Rieducazione e riabilitazione

 Nella fase di rieducazione motoria ci prefiggeremo alcuni obiettivi che, in ordine d'importanza, possiamo elencare in questo modo. Inibire la retroazione dei muscoli posteriori, cercare di richiamarli nella loro globalità per le attività motorie, sfruttare gli esercizi di trazione per correggere le curve, agevolare l'inspirazione.

Altresì importante sarà evitare di irrobustire ulteriormente i muscoli spinali, soprattutto non con esercizi che prevedono l'elevazione degli arti superiori ed inferiori da decubito prono (fig 09), non bloccare la respirazione ne eseguire esercizi secondo il metodo analitico-segmentario. Sarà consigliabile l'uso di una respirazione profonda (diaframmatica).

Come detto precedentemente, la contrazione statica eccentrica favorisce la formazione di nuovi sarcomeri muscolari a tutto vantaggio di una muscolatura lunga elastica e forte.

Prima di passare al lavoro rieducativo e/o riabilitativo, sarà opportuno eseguire un lavoro preparatorio basato sulla respirazione e sui suoi effetti rilassanti. Successivamente insegneremo la retroversione del bacino con l'appiattimento della lordosi lombare (flettere gli arti inferiori Contrarre addome e glutei) e la retroazione del mento con appiattimento della lordosi cervicale per effetto dell'avvicinamento tra mento e sterno.

La tecnica Mezieres è utile per i suoi effetti antalgici nella scoliosi dell'adulto oltre a favorire un rilassamento psicofisico e quindi anche della muscolatura. Tuttavia è una tecnica difficilmente attuabile su soggetti giovani. Bisogna fare attenzione a non rendere eccessivamente elastiche le strutture muscolari.