Prevenzione dell'osteoporosi. Antiversione e retroversione del bacino.
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Prevenzione dell'osteoporosi. Antiversione e retroversione del bacino.

Protocolli d'intervento finalizzati alla prevenzione dell'osteoporosi. I concetti di retroversione e anteroversione del bacino.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Trattamento dell'osteoporosi

L'osteoporosi ha diverse origini e fattori aggravanti dei quali non tratteremo in questa sede. Differenti sono le indagini da approntare per determinarne la gravità.
In un'attività mirata alla prevenzione (ad esempio nel periodo post-menopausale) seguiremo un programma che consenta un rallentamento nella fase di degradazione della matrice ossea. Possiamo a tal fine avvalerci di una Stimolazione meccanica diretta anche con l'uso di carichi strutturali, attività aerobiche e movimento che determini un irrobustimento dei segmenti muscolari. Poichè la compressione determina un aumento della massa ossea, è efficace sottoporre l'individuo a questo tipo di "stress" mediante l'attività fisica. Secondo recenti studi, le possibilità di incrementare la massa ossea con la prevenzione chinesiterapia, sono ottime riuscendo ad incrementare le soglie di frattura, carico e riassorbimento.

Antiversione e retroversione del bacino

 I muscoli che causano la retroversione sono i muscoli anteriori del tronco (situati nella regione addominale) ed i muscoli posteriori del bacino e della coscia. L'antiversione è causata dai muscoli lombari e dai muscoli pelvico-antero-femorali. Per l'esattezza causano l'antiversione i muscoli lombari, il retto femorale, il tensore della fascia lata, il sartorio, l'ileopsoas, adduttori piccolo e medio.
Causano la retroversione il trasverso, l'obliquo interno ed esterno, il retto addominale, il bicipite femorale, il semitendinoso, il semimenbranoso ed il grande adduttore. Il miglioramento della postura passa per le fasi di presa di coscienza del proprio corpo tanto nel suo insieme che nelle diverse parti che lo compongono, delle disarmonie statico dinamiche che ci affliggono e della loro correzione prima analitica e poi globale.