Esperienza 24
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Esperienza 24

Autore:
Ultimo aggiornamento:







Esperienza 24

L'appoggio totale

Il soggetto posto nella posizione eretta gli si chiederà di assumere la posizione più "comoda" possibile. Si provvederà in un secondo momento a fargli cedere il distretto caviglia-ginocchio-anca (vedi esperienza 17), rilassare la colonna e il cingolo scapolare. Con la postura raggiunta si farà sperimentare i tre momenti che comprendono la scarica del peso, sospensione, appoggio e rimbalzo tonico. All'inizio con macro movimenti e successivamente con piccoli movimenti. I tre momenti devono essere eseguiti insieme all'atto respiratorio. Nella sospensione si attuerà l'inspirazione, ad inspirazione completata, il corpo cederà causando l'espirazione che durerà per tutto l'atto del cedimento. Ad espirazione completata si effettuerà il rimbalzo tonico che causerà una nuova inspirazione e la conseguente sospensione. I tre momenti devono prevedere una sequenza temporale ritmica che può essere fornita dall'operatore scandendo il tempo o attraverso una brano musicale di proprio piacimento che non sia troppo veloce è che abbia una struttura ritmica in 4/4 che si ripete nel tempo. Compito dell'operatore è quello di intervenire qualora ci siano difficoltà nello scaricare il peso o vi siano presenti tensioni muscolari che non permettono di eseguire la sequenza ritmica.

Esperienza

L'appoggio parziale

Il soggetto nella postura eretta e "comoda" eseguirà un atto di sospensione. Nella sospensione totale tutta la muscolatura sarà in tensione per garantire il sollevamento dei distretti anatomici. Gli si chiederà di appoggiare i distretti anatomici a partire dall'alto sulle strutture sottostanti rilassando la muscolatura strada facendo. La testa si appoggia sul collo, il collo si appoggia sulle spalle, le spalle raccolgono il peso degli arti superiori e poggiano sulla schiena e sul petto; il petto e la schiena poggiano sul bacino che accogliendo il peso della parte superiore del corpo, il bacino attraverso l'articolazione dell'anca poggia sulle cosce che trasferiscono il peso attraverso il ginocchio sulle gambe, le gambe poggiano sui piedi. I piedi, infine, accogliendo tutto il peso del corpo poggiano per terra scaricando il peso attraverso la loro pianta. L'operatore può aiutare l'utente in questo compito poggiando le mani nei punti in cui si chiede di abbandonare le tensioni, fungendo da sostegno, e aiutandolo a diminuire quelle nelle parti in cui ha difficoltà a farlo. Alla fine dell'esperienza si eseguirà un rimbalzo tonico ed una nuova sospensione per rieseguire l'esercizio dal principio.