Le ossa e lo scheletro
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Le ossa e lo scheletro

Autore:
Ultimo aggiornamento:







Le ossa e lo scheletro

Le ossa insieme alle articolazioni formano lo scheletro. Esso è la struttura portante dell'appartato locomotorio e per azione dei muscoli striati, determina la proiezione delle diverse parti corpo sui tre piani geometrici di riferimento.

Lo scheletro assolve a diverse altre funzioni:

  • funge da struttura di sostegno
  • plasma la forma e la dimensione
  • protegge gli organi interni (Sistema Nervoso Centrale, apparato respiratorio e cardiaco ecc.)

Le ossa che costituiscono lo scheletro sono circa 203. Il loro numero complessivo non è semplice da stabilirsi poiché durante lo sviluppo diverse ossa possono fondersi tra loro o rimanere distinte. La loro forma e dimensione è varia e diversificata. Esse sono formate da tessuto osseo compatto e spugnoso con percentuale variabile rispetto alla loro forma e al ruolo che sono deputate a compiere. Tutte le ossa sono rivestite dal periostio, un tessuto connettivo riccamente innervato e vascolarizzato che assolve le funzioni di nutrimento, scambio tissutale e regolazione plastica. Il periostio manca in corrispondenza delle superfici articolari, dove è sostituito da cartilagine articolare (solitamente ialina).

Solitamente la distinzione in merito alla loro forma e dimensione è tra ossa lunghe, ossa corte e ossa piatte.

Ossa lunghe

Hanno la lunghezza che prevale nettamente rispetto al loro spessore e alla loro larghezza. Esse sono composte da una parte centrale detta corpo o diafisi, e due estremità chiamate epifisi. Esse sono presenti soprattutto negli arti superiori ed inferiori. Sono esempi di ossa lunghe il femore, la tibia, l'omero, il radio, l'ulna ecc. Le ossa lunghe sono strutturalmente differenti nella loro parte centrale rispetto alle due estremità. Il corpo dell'osso è formato da tessuto osseo compatto scavato al centro dal canale midollare, sede del midollo osseo. Le due epifisi sono formate, invece, da tessuto osseo spugnoso con alla periferia uno strato di tessuto osseo compatto, sede del contatto articolare con il segmento osseo grazie al quale espleta la sua funzione motoria.

Ossa corte

Sono caratterizzate dall'avere lunghezza, larghezza e spessore pressoché uguali. Sono esempi di ossa corte le vertebre, le ossa del carpo e del tarso. Esse appaiono formate per lo più da tessuto osseo spugnoso.

Ossa piatte

Il loro spessore è molto inferiore rispetto alla larghezza e alla lunghezza. Ne sono un tipico esempio le ossa della volta cranica, la scapola ecc. Esse sono formate da due lamelle di tessuto osseo compatto con interposto uno strato di tessuto osseo spugnoso.