Muscoli dell'arto inferiore
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Muscoli dell'arto inferiore

Autore:
Ultimo aggiornamento:







Muscoli dell'arto inferiore

Nel descrivere la muscolatura dell'arto inferiore farò riferimento a quei muscoli che partecipano al movimento volontario dinamico, lavorano in sinergia, e per contrapposizione eccentrica mantengono la postura eretta antigravitaria; allo stesso tempo, permettono di poter assolvere alla scarica del peso del corpo in maniera dinamica sul pavimento, attraverso la pianta dei piedi.

Muscolo quadricipite femorale

Occupa la regione anteriore della coscia e si presenta come una grossa struttura carnosa. Esso è composto da quattro capi che possono essere considerati come quattro strutture muscolari a se stanti: muscolo retto del femore (più superficiale), muscolo vasto laterale, muscolo vasto mediale e muscolo vasto intermedio. Il muscolo retto del femore origina dalla spina iliaca antero-inferiore, mentre gli altri tre originano dal corpo del femore. I quattro vasti convergono inferiormente in un lungo e robusto tendine, detto tendine rotuleo, che supera la rotula e l'articolazione del ginocchio per inserirsi sulla tuberosità della tibia.

Azione: estende la gamba sulla coscia. Esso ha importanza fondamentale per quanto riguarda il mantenimento della stazione eretta antigravitaria e la deambulazione.

Muscoli adduttori della coscia

Fanno parte della regione interna e mediale della coscia e sono disposti in più strati. Ricordiamo il muscolo pettineo. Il muscolo adduttore lungo, breve e grande e il muscolo gracile.

Azione: adducono la coscia e partecipano al mantenimento della stazione eretta. 

Muscolo semitendinoso e Muscolo semimembranoso

Costituiscono la regione postero-mediale della coscia. Il semimembranoso si trova più in profondità rispetto al primo. Originano dalla tuberosità ischiatica e si portano in basso e medialmente per inserirsi sul condilo mediale della tibia.

Azione: flettono la gamba sulla coscia.

Muscolo bicipite del femore

Occupa la parte posteriore e laterale della coscia. Origina con due capi, il capo lungo dalla tuberosità ischiatica dell'anca e il capo breve dal femore. I due capi convergono in un unico tendine che va ad inserirsi nella testa della fibula.

Azione: flette la gamba sulla coscia.

Muscolo tibiale anteriore

Occupa la parte anteriore della gamba. Origina dal condilo laterale della tibia e s'inserisce nel tarso.

Azione: flette dorsalmente il piede e lo ruota medialmente. Lavorando in contrapposizione al gastrocnemio determina la stazione eretta nel tratto in cui il peso del corpo grava sul pavimento.

Muscolo tricipite della sura

È una voluminosa massa carnosa che occupa la regione posteriore della gamba. Esso è composto da tre capi di cui due sono superficiali e costituiscono il muscolo gastrocnemio e uno più profondo che costituisce il muscolo soleo. Il muscolo gastrocnemio, formato da due capi (gemello mediale e gemello laterale) origina dai condili mediale e laterale rispettivamente del femore. Il muscolo soleo molto più appiattito origina dalla faccia posteriore della tibia.

I due muscoli si dirigono in basso e si fondono in un unico e robustissimo tendine detto tendine calcaneare (o tendine d'Achille) che s'inserisce sulla faccia posteriore del calcagno.

Azione: estende plantarmente il piede ed è in grado di sollevare tutto il corpo sulla punta dei piedi. Partecipa attivamente al mantenimento della dinamica antigravitaria.