Analisi dei risultati - terza parte
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Analisi dei risultati - terza parte

Analisi dei risultati ottenuti dalla rielaborazione dei dati raccolti dal questionario somministrato ai giocatori per l'indagine sul varismo - terza parte.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Considerando inoltre la relazione esistente tra incidenza di ginocchio varo, quantità di allenamento effettuato e uso di sovraccarichi, dai dati emersi dalla ricerca si evince che i soggetti appartenenti al gruppo 3, ossia i ragazzi dell'U.S. Lecce, sopportano un carico di allenamento molto più alto (720 minuti), con un uso quasi quotidiano di sovraccarichi (tra i 50 e i 70 kg) e riportano un'incidenza di varismo delle ginocchia molto elevata (70%).

È opportuno però ricordare che l'uso di sovraccarichi durante le sedute di allenamento non è una pratica molto diffusa nei gruppi di adulti partecipanti alla ricerca. Infatti solo il 25% di loro afferma di fare un uso di sovraccarichi quasi quotidiano (15 ragazzi su 60, tutti appartenenti all'U.S. Lecce), mentre il 32% utilizza sovraccarichi qualche volta (19 ragazzi su 60), il 28% afferma di utilizzarli raramente (17 su 60) e il 15% di non utilizzarli mai (9 su 60), mentre il gruppo di bambini di età compresa tra i 9 e i 12 non fa praticamente uso di sovraccarichi.

ginocchio varo


Quanto detto finora conferma le ricerche effettuate da Cook, che ho presentato nel capitolo precedente, le quali hanno dimostrato come un carico compressivo elevato che agisce sul ginocchio conduca ad una progressiva deformità in varo dello stesso, che concentra ulteriormente il carico sul compartimento mediale dell'articolazione che crea così un circolo vizioso tra carico e deformità che produce, infine, una lesione epifisaria permanente.
Un altro aspetto che ho voluto trattare nella mia ricerca è quello relativo alla presenza o meno di dolori alle ginocchia e la localizzazione dello stesso, aspetto dal mio punto di vista importante per capire se l'uso di bilancieri, cavigliere e pesi liberi, ormai parte integrante di ogni seduta di allenamento, possono essere causa non solo di insorgenza di varismo delle ginocchia (dovuto ad un accorciamento dei muscoli adduttori sul lato interno del ginocchio e l'allungamento e rispettivo indebolimento degli abduttori sul lato esterno del ginocchio), ma anche dei tipici dolori dovuti a queste condizioni patologiche.

Prima di prendere in considerazione tutti i gruppi ho voluto capire, facendo un confronto tra i gruppi 2, 3 e 4 (60 soggetti di età compresa tra i 13 e i 36 anni) e il gruppo di bambini, appartenenti al gruppo 1 (di età compresa tra i 9 e i 12 anni), se l'uso dei sovraccarichi, utilizzati solo dai primi, può influire sulla presenza del dolore alle ginocchia oppure no.
In particolare nei gruppi 2, 3 e 4 il 10% afferma di avvertire dolore alle ginocchia molto spesso (6 soggetti su 60), il 43% avverte dolori qualche volta (26 su 60), il 30% afferma di avere raramente presenza di dolori alle ginocchia (18 su 60) ed infine il 17% afferma di non avvertire alcun dolore (10 su 60).
I bambini, per fortuna, hanno pochissimi problemi in questo senso. Infatti solo il 5% di loro avverte spesso dolori alle ginocchia (contro il 10% dei più grandi). Più alte le percentuali nei soggetti che avvertono dolori qualche volta (30%), raramente (20%) e mai (45%).

In generale invece dallo studio effettuato è emerso che tra gli 80 soggetti partecipanti alla ricerca ben il 76,25% (ossia 61 soggetti su 80) avvertono dolori alle ginocchia, considerando le tre possibilità che venivano date, cioè spesso, qualche volta e raramente.