Patologia o vizio posturale?
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Patologia o vizio posturale?

Il paramorfismo, patologia o vizio posturale? Qual'è l'incidenza dei vizi posturali nella comparsa dei paramorfismi.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

I paramorfismi sono caratteristici dell'età scolare, del periodo della piccola pubertà e della crisi puberale vera e propria.
È logicamente in questo periodo, in cui le resistenze organiche vengono grandemente diminuite dallo stato critico di quella che è stata definita la più grave crisi organica di tutta la vita dell'uomo, che trovano il terreno più propizio per instaurarsi.

La maggior parte dei paramorfismi si preannunciano come atteggiamenti viziati, come i vizi posturali che i giovani assumono e mantengono perché sono comodi e perché alla prolungata permanenza nel banco della scuola durante le lezioni e al tavolino a casa per svolgere i compiti, in pratica ad una inattività fisica contraria al loro naturale bisogno di movimento, non fa riscontro una adeguata attività fisica compensativa.
Può essere imprudente sottovalutare l'importanza del paramorfismo per le gravi conseguenze che possono derivare da una trascuratezza per un problema a prima vista banale e da una diagnosi troppo superficiale. Siamo di fronte ad alterazioni di grado modesto, a volte apparentemente quasi insignificanti ma, appunto perché insorte nel periodo delicatissimo della crescita, pericoloso campanello d'allarme da non lasciare inascoltato.

I più recenti studi effettuati(1) hanno invece verificato che un paramorfismo (atteggiamento posturale scorretto), non si trasforma in dismorfismo (modificazione della normale morfologia della colonna vertebrale).

Attraverso l'educazione motoria preventiva e compensativa possiamo rieducare queste alterazioni morfologiche. L'esercizio motorio che noi utilizzeremo e che rappresenta il "mezzo" con cui traduciamo il nostro intervento, deve essere adattato ad ogni soggetto, ad ogni caso e ad ogni istante. È essenziale che il soggetto viva coscientemente un'esperienza motrice, guidata e controllata e non solo un'azione meccanica e priva di valenza educativa.