Controllo senso-motorio e infortuni
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Controllo senso-motorio e infortuni

Forza, resistenza e coordinazione sono fondamentali in particolar modo per lo sportivo. Uno scadente controllo neuromuscolare del CORE può predisporre gli atleti ad infortuni alla schiena così come ad infortuni agli arti infortuni

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Controllo senso-motorio e infortuni

In tutte le attività della vita quotidiana, il corpo umano si muove nelle tre dimensioni a velocità differenti venendo in contatto con molte forze. Specialmente nell'attività sportiva, grandi esigenze sono poste sulla forza, resistenza e coordinazione del sistema. Un inefficiente sistema neuromuscolare non può adattarsi bene a queste esigenze, con conseguente scadimento delle prestazioni o addirittura lesioni. Nell'articolo Stabilizzazione della colonna: ruolo dei muscoli del CORE abbiamo visto che i muscoli della colonna forniscono stabilità e che i modelli (patterns) di reclutamento muscolare influenzano significativamente i carichi sulle articolazioni intervertebrali.

Una disequilibrata attivazione muscolare può portare ad un importante inappropriata forza e stiffness muscolare, caricando così in maniera non corretta la colonna e inducendo dolore alla schiena e lesioni muscolo-scheletriche.

Brown e McGill hanno dichiarato che, sotto condizioni di equilibrio statico, la stiffness muscolare funzionerà in maniera stabilizzante, mentre la sua forza può operare in modo stabilizzante o destabilizzante a seconda dell'orientamento del muscolo attorno all'articolazione.

Considerando che la relazione fra forza e stiffness è non lineare e una situazione nella quale l'orientamento muscolare è tale che la sua tensione istantanea agisce in modo destabilizzante sull'articolazione, potrebbe esistere un livello critico di forza in cui qualsiasi ulteriore aumento di forza diventa dominante rispetto il corrispondente aumento della stiffness, riducendo così il potenziale di stabilizzazione del muscolo. Comerford e Mottram affermano che c'è un chiaro collegamento fra un ridotto input propriocettivo, disturbato da un lento reclutamento delle unità motorie e lo sviluppo di stati di dolore cronico.

Uno scadente controllo neuromuscolare del CORE può predisporre gli atleti ad infortuni alla schiena così come ad infortuni agli arti. Riguardo i problemi alla schiena, un ritardo della risposta riflessa dei muscoli del tronco è trovata essere un fattore di rischio pre-esistente per l'insorgenza di lesioni alla schiena negli atleti. Questa affermazione è supportata dai risultati di Gill e Callaghan, i quali riportano una diminuzione nel ripristino dell'abilità nei pazienti con mal di schiena. Concludono affermando che precisi input dei fusi muscolari rappresentano un aspetto vitale per una posizione accurata della pelvi e della colonna lombo-sacrale.

In aggiunta, i soggetti con dolore alla schiena hanno mostrato una compromissione del controllo posturale, una risposta muscolare riflessa ritardata in seguito ad un veloce scarico del tronco e dei patterns di reclutamento muscolare anomali. Inoltre, atleti con una storia di mal di schiena continuano a dimostrare deficit di controllo motorio del tronco, anche dopo il loro recupero e ritorno al precedente livello di competizione.

Riguardo gli infortuni al ginocchio, Zazulak e altri hanno mostrato che il decremento neuromuscolare del controllo del CORE del corpo, misurato attraverso lo scarico repentino del tronco e l'attività di riposizionamento del tronco stesso, è associato con un incremento del rischio di infortunio al ginocchio negli atleti. La stabilità dinamica del ginocchio dell'atleta è definita come l'abilità dell'articolazione di mantenere una traiettoria desiderata dopo disordini interni e esterni.

Esso dipende da accurate informazioni sensoriali e risposte motorie adeguate per affrontare i cambiamenti rapidi di posizione del tronco durante le manovre, quali il cambio di direzione, l'arresto e l'atterraggio. Deficit del controllo neuromuscolare del core può compromettere la stabilità dinamica degli arti inferiori, risultando in un aumento della torsione del ginocchio. Come risultato di questo, la tensione sui legamenti del ginocchio è aumentata e questo può portare a lesioni. L'importanza del controllo neurale sulla muscolatura del tronco fu sottolineata da Barr che notò che il mal di schiena è stato trovato essere associato a deficit della propriocezione vertebrale, dell'equilibrio e nell'abilità di reagire a perturbazioni inaspettate del tronco.