I principi di velocità
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

I principi di velocità

Interazioni tra forza e velocità, l'incidenza della velocità nel grado di espressione della forza muscolare.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Un principio di isocinetica che è importante da ricordare per le applicazioni cliniche e i test è che la "produzione di forza varia al variare della velocità".

Aumentando la velocità predefinita la produzione di forza concentrica decresce, al contrario la diminuzione di tale velocità consentirà la produzione del picco di forza concentrica.
Infatti, molte unità motorie sono reclutate più facilmente a velocità più basse che alte, permettendo il raggiungimento del picco di forza.

Al contrario, eccentricamente parlando, a velocità predefinite più alte si raggiungerà il picco di forza, rispetto a quelle più basse.
Proporzionali alle variazioni di velocità sono anche le "forze di compressione e traslazione" attraverso l'articolazione.

A velocità più alte si avranno meno forze compressive che a velocità più basse. Questo è importante da ricordare clinicamente nell'applicazione di trattamenti a patologie specifiche. Per esempio, nella patologia patello-femorale è preferibile utilizzare alte velocità per ridurre le forze compressive esercitate sull'articolazione, proteggendo tutt'intorno la superficie articolare, accomodando il paziente.
La spalla con instabilità multidirezionale dovrebbe essere trattata a velocità più basse, usando quindi le forze compressive per stabilizzare la spalla nella fossa glenoidale.

Diversamente, per quanto riguarda le forze di traslazione, a basse velocità l'articolazione del ginocchio provocherà la traslazione anteriore della tibia. Questo è dovuto al vettore di forza creato dal quadricipite e biomeccanismi dell' articolazione del ginocchio.
La riduzione della velocità dovrebbe essere evitata o applicata con cura durante la riabilitazione del LCA.

L'opposto si verificherà con la spalla, più alta è la velocità, maggiori saranno i movimenti di traslazione. Questo è anche dovuto ai biomeccanismi dell'articolazione e ai vettori forza creati dalla muscolatura.