I tre tempi della flessione
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

I tre tempi della flessione

Analisi schematica e meccanico muscolare dei tre tempi che comportanto la flessione dell'arto.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Primo tempo della flessione: da 0° a 50°• 60°:
I muscoli motori interessati sono :
• fascio anteriore, claveare, del deltoide
• il coraco-brachiale
• il fascio superiore, claveare, del grande pettorale

Due fattori limitano questa flessione della scapolo-omerale:
• la tensione del legamento coraco-omerale
• la resistenza dei muscoli piccolo rotondo, grande rotondo e sottospinoso.

Secondo tempo della flessione: da 60° a 120°:
Entra in gioco il cingolo• scapolare:
• rotazione di 60° della scapola, per un movimento a campana che orienta la glenoide in alto e in avanti
• rotazione assiale
I muscoli motori interessati sono gli stessi dell' abduzione:
• trapezio
• grande dentato

Questa flessione della scapolo-toracica è limitata dalla resistenza offerta dal grande dorsale e dal fascio inferiore del grande pettorale.

Terzo tempo della flessione: da 120° a 180°:
Il movimento di flessione si arresta per la scapolo-omerale e la scapolo-toracica e allora interviene il rachide.
Se la flessione è monolaterale, è possibile terminare il movimento passando in massima abduzione, e quindi inclinando lateralmente il rachide.
Se la flessione è bilaterale, come per l' abduzione, il movimento avviene grazie ad una iperlordosi per azione dei muscoli lombari.