Il test isocinetico - seconda parte
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Il test isocinetico - seconda parte

Le variabili che intervengono nel test isocinetico: il feedback visivo, la calibratura, l'effetto della gravità sulla forza, test di ripetizioni.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Feedback visivo

Come con l'incoraggiamento verbale, il feedback visivo è un'altra variabile che potrebbe colpire l'esito dei risultati del test.
Sono state eseguite anche ricerche riguardanti questi effetti ed è stato determinato che ci sono benefici con entrambi.
Durante la seduta di allenamento è importante avere dei biofedback che possono provocare motivazione per il paziente cercando anche di migliorare la produzione di forza delle precedenti ripetizioni.

La calibratura

La calibratura dell'attrezzo è necessaria per assicurare la validità del test. Il dinamometro della Biodex non ha necessariamente bisogno di essere calibrato, ma una verifica dovrebbe essere eseguita un minimo di una volta al mese. Se la Biodex verrà usata a scopo di ricerca, la verifica della calibratura deve essere eseguita più frequentemente. Questo sommerà credibilità e sicurezza alla ricerca.

(G.E.T.) Effetto della gravità sulla forza

Questo è eseguito dal dinamometro, registrato dal software ed aggiunto a movimenti contro gravità e sottratto a movimenti facilitati dalla gravità.
Per esempio, nel ginocchio il quadricipite lavora contro gravità, e i tendini del ginocchio sono assistiti dalla gravità.
Perciò, il G.E.T. è aggiunto all'estensione e sottratto alla flessione per compensare l'effetto della gravità. Nel fare ciò, è dato un valore di forza imparziale.
Il G.E.T. dovrebbe essere misurato allo stesso punto del ROM ogni volta, particolarmente in una posizione che non è soggetta a nessun tipo di influsso. L'anglo ottimale per testare il ginocchio è 30°.

Test di ripetizioni

Le ripetizioni dovrebbero essere tenute costanti tra le varie sedute.
Dall'incremento del numero di ripetizioni il paziente può sperimentare la fatica e la scomodità durante il test. I test a basse velocità sono generalmente condotti con 5 ripetizioni, e velocità rapide sono generalmente eseguite dalle 10 alle 15 ripetizioni.