Esame del soggetto scoliotico
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Esame del soggetto scoliotico

Procedura per l'esame del soggetto scoliotico. L'esame obiettivo per la determinazione delle asimmetrie e della funzionalità del rachide.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

1. Il soggetto scoliotico va valutato attraverso un esame obiettivo (esame del soggetto) con lo studio della morfologia e della funzionalità del rachide.
2. L'osservazione di asimmetrie ed alterazioni estetiche che riguardano il bacino, gli arti inferiori, il cingolo scapolare e il capo.

La scoliosi infatti insorge ed evolve in modo subdolo, senza dolore e da ciò è facile comprendere l'importanza di ricercare nei soggetti in accrescimento quei "segnali", elementi di rischio che possano aiutarci nella prevenzione come ad esempio:
• Incurvamento della linea risultante dall'unione di tutte le apofisi spinose
• Slivellamento del parallelismo tra le due linee che uniscono le spalle e le creste iliache
• Slivellamento di una scapola rispetto all'altra
• Nelle ragazze differenza di volume delle mammelle
• Asimmetria dei "triangoli della taglia"
• Eventuale accenno o presenza di gibbo costale il quale è ben evidenziabile anche nella sua incipiente costituzione

Con il filo a piombo si valuta eventualmente lo strapiombo della colonna . Il "bendino" anteriore permette di valutare l'eventuale presenza di gibbo e un semplice regolo con livella la sua misurazione.
Con il "bending" laterale possiamo verificare la rigidità della colonna e la riducibilità della curva.
Per la misurazione della curva è ormai comunemente accettato l'esame radiologico in proiezione antero-posteriore e la misurazione in gradi Cobb, che viene effettuata mediante l'individuazione della vertebra apice della curva, la vertebra con più gradi di rotazione sul piano traverso e le due vertebre limitanti superiori ed inferiori.
Se consideriamo le scoliosi idiomatiche l'esame radiografico ha un ruolo di primo piano.
Dal radiogramma è possibile rilevare:
• le alterazioni della forma
• l'entità della rotazione
• la sede della curva
• il grado della curva
• l'età scheletrica del rachide

I radiogrammi non vanno eseguiti solamente con il soggetto nella stazione eretta ma essi vanno effettuati anche con la max inclinazione laterale dx del busto (bendino dx) e sinistra (bendino sx), successivamente il confronto dei vari radiogrammi ci aiuterà a stabilire l'entità della strutturazione delle curvature e il loro grado di correggibilità.

La scoliosi non è una patologia frequente, la sua incidenza è del 2-3%, più frequenti invece: i vizi di portamento e le alterazioni posturali che possono degenerare e sfociare in una scoliosi paramorfica di discreta entità.
La diagnosi precoce resta il mezzo più efficace per un intervento sistematico di quei soggetti a rischio.
N.B. l'atteggiamento scoliotico è conseguenza della disfunzione posturale