Trattamento della cifosi
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Trattamento della cifosi

Protocollo di intervento nel trattamento della cifosi. Analisi degli esercizi per l'attività correttiva e valutazione della loro efficacia.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

La cifosi dorsale alterata comporta compensazioni del rachide nei tratti sopra e sottostanti: generalmente il soggetto presenta il tratto della colonna cervicale e lombare accentuato.
La rieducazione posturale anche in questi casi non si deve limitare al solo intervento correttivo localizzato ma deve agire sull'intero equilibrio della colonna vertebrale, un intervento di distensione (decontrazione) e allungamento. In una parola bisogna assicurare alla colonna vertebrale un buon allineamento che si raggiunge attraverso l'acquisizione di un buon atteggiamento del capo, del collo e del bacino.

N.B. recupero dell'assetto sagittale del rachide e riduzione della cifosi dorsale.

EserciziIn ginocchio sopra un piano instabile, emisfera, dondolo di Bobath : il soggetto deve cercare di mantenere l'orizzontalità del piano di appoggio (la livella garantisce un ottimo controllo della posizione del piano) evitando di perdere di vista un oggetto (mazzo di chiavi o oltro …) posto al limite del campo visivo limitato dalla panca.

Analisi dell'esercizio:
mantenere il controllo degli appoggi sull'attrezzo
controllare gli appoggi del bacino sui talloni
controllare l'orizzontalità delle spalle

Aspetto correttivo:
ascoltare l'estensione del rachide (necessaria per vedere l'oggetto)
mantenere l'oggetto nel campo visivo
dialogo spaziale limitato ai movimenti del busto necessari al recupero ed al mantenimento dell'orizzontalità del piano d'appoggio
dialogo temporale, cercare di mantenere la posizione corretta 20-30 sec.

Valutazione dell'esercizio:
in questo esercizio lo stimolo posturale finalizzato al raddrizzamento del rachide è l'oggetto. Cercare di mantenere l'oggetto nel campo visivo provoca un'estensione del dorso (riflessa).
Il soggetto non estende il dorso consapevolmente è il sistema posturale attivato da uno stimolo visivo in questo caso a garantire la posizione corretta.

N.B. al soggetto viene chiesto in seguito di ascoltare l'estensione del rachide e valutare a livello propiocettivo questa posizione confrontandola con la posizione assunta abitualmente.
Recupero dell'assetto sagittale (recupero della cifosi dorsale)

EserciziSoggetto in ginocchio su un piano instabile, emisfera, dondolo Bobath……, deve cercare di mantenere l'orizzontalità del piano di appoggio:
• elevare le braccia in avanti
• elevare le braccia in fuori
• elevare le braccia in alto
• tutte le combinazioni possibili nelle posizioni asimmetriche delle braccia nei piani fondamentali

Analisi dell'esercizio:
• ritrovare la sensazione di estensione del busto
• controllo degli appoggi sull'attrezzo
• controllo degli appoggi del bacino sui talloni
• controllo dell'orizzontalità delle spalle
• controllo delle asimmetrie delle braccia

Aspetto correttivo:
• mantenere la sensazione di estensione del busto
• dialogo spaziale, i movimenti del busto necessari al recupero ed al mantenimento dell'orizzontalità del piano di appoggio
• varianti dei movimenti delle braccia
• dialogo temporale, cercare di mantenere la posizione per 20-30 sec.

Valutazione dell'esercizio:
In questo secondo esercizio il soggetto non ha più il riferimento dell'oggetto ma egli dovrà allo stesso modo ricercare e mantenere la sensazione di estensione del busto come l'esercizio precedente.

N.B. è importante in questa fase ricercare le sensazioni provate precedentemente