Chetosi
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Chetosi

Dizionario del fitness: analisi e spiegazione del termine Chetosi

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Chetosi

12 Nella maggior parte dei mammiferi, uomo compreso, l'acetil-CoA formato per ossidazione degli acidi grassi, può accedere nel ciclo dell'acido citrico o può essere convertito in corpi chetonici (acetoacetato, D-ß-idrossibutirrato e acetone), poi esportati ad altri tessuti o eliminati con le urine.

L'acetone, prodotto in quantità minori rispetto agli altri corpi chetonici, è eliminato con la respirazione. L'acetoacetato ed il D-ß-idrossibutirrato vengono trasportati al di fuori del fegato attraverso il sangue e raggiungono altri tessuti (muscolo scheletrico, cuore, corteccia surrenale) dove vengono ossidati nel ciclo dell'acido citrico per produrre energia.

L'acetone, volatile, conferisce all'alito un odore caratteristico che, in determinati casi, può essere utile per diagnosticare la gravità della chetosi.

Se la produzione di corpi chetonici diviene molto elevata l'accumulo di acetoacetato e D-ß-idrossibutirrato, possono abbassare il PH ematico, portando alla condizione nota come acidosi (chetosi) che, in casi estremi, può portare al coma o alla morte.

Nei soggetti che seguono diete molto restrittive gli acidi grassi del tessuto adiposo divengono la principale fonte di energia, in questo caso è importante un controllo frequente di sangue ed urine per monitorare l'eventuale pericolo di acidosi. La possibilità di chetosi esiste anche in caso di attività fisiche di lunga durata che non prevedano una costante integrazione glucidica, o nei casi in cui l'assunzione di glucosio sia contrastata da diabete mellito.

La produzione di corpi chetonici tende ad inibire l'appetito, ma in considerazione degli effetti negativi, non giustifica l'applicazione di diete che ne favoriscono l'incremento. La chetosi può accompagnarsi a situazioni di nausea, affaticamento, irritabilità, vertigini ecc.