L'importante è partecipare?
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

L'importante è partecipare?

Le Olimpiadi moderne nascono anche grazie al contributo di De Coubertin, il cui celebre motto era "l'importante è partecipare". In un'epoca di iper professionismo è ancora così?

Autore:
Ultimo aggiornamento:

L'importante è partecipare?

L'important dans la vie n'est point
le trionphe mais le combat;
l'essentiel, ce n'est pas d'avoir vaincu,
mais de s'etre bien battu."
Pierre de Coubertin
Londres 1908

Con l'accensione del braciere olimpico, tra danze, canti, coreografie ispirate al folklore e alla storia, tra la sfilata dei paesi partecipanti con gli atleti che marceranno divisi per nazioni, precedute dalla Grecia che tradizionalmente entra per prima, il 27 luglio, Londra sancirà l'apertura ufficiale dei XXX Giochi Olimpici 2012 che si svolgeranno fino al 12 Agosto giorno in cui la bandiera olimpica verrà calata, il fuoco olimpico spento e si decreterà la chiusura definitiva dei giochi.

Londra sarà così la prima capitale ad avere ospitato per ben 3 volte un'olimpiade moderna (1908-1948-2012).

Sembra ieri quando tra mille polemiche, dibattiti e ripercussioni politiche si inauguravano i giochi di Pechino 2008 che hanno avviato definitivamente la Cina verso un inarrestabile processo di modernizzazione unitamente ad uno sviluppo economico e sociale la cui portata è sotto gli occhi di tutti.

Le Olimpiadi infatti hanno assunto nel tempo una grande rilevanza politica ed economica, che definiremmo oggi fenomeno "globalizzante" e man mano invece si è andato perdendo quello spirito forse romantico, forse utopistico di Pierre de Coubertin, di una dimensione perfetta di umanità nella quale i valori di lealtà, rispetto e mutua collaborazione erano visti come "strumenti " di crescita dell'uomo senza barriere e differenze tra i popoli, un mondo di "eque opportunità, democrazia e pace".

Da sempre allo sport si associano valori universalmente condivisi di fratellanza e forza morale.

L'uomo che compete lealmente nella ricerca del superamento dei propri limiti nel rispetto di regole condivise e di comportamenti corretti.

Oggi più che mai, in questo mondo altamente moderno e tecnologicamente avanzato dove le distanze si sono ristrette e i confini dilatati, in un mondo forse contaminato più che globalizzato, c'è bisogno di ritrovare il buon esempio di esibire il merito nel rispetto di questi valori essenziali come nobile scuola di pura moralità.

È questo lo spettacolo cui speriamo di assistere nelle prossime Olimpiadi, di questo tutti noi abbiamo bisogno.