Olimpiadi di Cortina 1956
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Olimpiadi di Cortina 1956

La storia, gli eventi più clamorosi, i risultati, il medagliere, e gli aneddoti delle Olimpiadi di Cortina 1956

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Nel 1956 anche l'Italia può festeggiare la sua prima Olimpiade casalinga. Ad avere l'onore è Cortina d'Ampezzo, rinomatissima sede di vacanze aristocratiche fin dagli anni Venti.
I Giochi di Cortina sono i primi ad essere teletrasmessi, ma anche quelli dell'esordio sovietico a cinque cerchi. Un esordio col botto, visto che i "sudditi" di Kruscev conquistano più medaglie di chiunque altro.

Come ai Giochi estivi, i sovietici non sfondano nelle discipline simbolo, ma conquistano un'infinità di successi in specialità che diventeranno tradizionalmente loro favorevoli. Nel pattinaggio ad esempio vincono 3 gare su 4, con Yevgeni Grischin che si impone nei 500 e nei 1500 metri. Nella seconda gara c'è addirittura un pari merito al vertice tra due connazionali, Grischin e Sergeyev: curiosamente questa strana situazione si ripeterà 4 anni più tardi.

Nell'hockey i sovietici mettono fine all'egemonia canadese, ed è pure sovietico il primo vincitore non scandinavo di una gara olimpica di fondo, Pavel Kolchin.
Ad entrare nel mito è però l'austriaco Toni Sailer, un campione leggendario che si esalta sulle piste delle Tofane. In nessuna delle tre gare di sci alpino trova avversari in grado di impensierirlo. Nel gigante rifila 6.2 secondi all'avversario più vicino, il più grande distacco mai verificato in una gara olimpica di sci alpino. In slalom fa segnare il miglior tempo in entrambe le manche ed in discesa dà altri 3 secondi e mezzo a tutti.
Colpisce anche l'americana Tenley Albright, oro nel pattinaggio artistico. Poche settimane prima dei Giochi la Albright si era ferita profondamente ad una gamba, con il suo stesso pattino, dopo una caduta. Nonostante il grave infortunio l'americana riesce a presentarsi a Cortina e a conquistare l'oro.

Per l'Italia a Cortina le soddisfazioni arrivano tutte dal bob, dove facciamo doppietta nella gara a 2, con l'equipaggio Conti-Dalla Costa all'oro e quello Alvese-Monti all'argento, e conquistiamo il secondo gradino anche nella gara a 4 con Alverà, Girardi, Mocellini, Monti.