Olimpiadi di Città del Messico 1968
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Olimpiadi di Città del Messico 1968

La storia, gli eventi più clamorosi, i risultati, il medagliere, e gli aneddoti delle Olimpiadi di Città del Messico 1968

Autore:
Ultimo aggiornamento:

XIX olimpiade 12 - 27 ottobre

I tragici eventi del 1968 non possono non ripercuotersi anche sulle olimpiadi. Parliamo dell'omicidio di Martin Luter King e Robert Kennedy, della guerra in Vietnam e dell'invasione della Cecoslovacchia.
Tuttavia, dal punto di vista dei risultati atletici, la manifestazione non mancherà di stupire, a partire dalle 112 nazioni e 5593 atleti presenti che si sfideranno nelle 21 discipline previste.

Gli Usa sbancano il medagliere, portando in patria ben 45 ori, seguono gli atleti Russi: 29, i Giapponesi: 11, e gli Ungheresi: 10. Lo statunitense Bob Beamon (nella foto) segnerà il record di salto in lungo con ben 8,90 metri restando a lungo imbattuto.

Per la prima volta l'ultimo tedoforo, quello che accese il tripode olimpico, fu una donna, la messicana Enriquete Basilio Sotelo.

Sarà l'olimpiade dei record con il californiano Lee Evans che sui 400 metri farà segnare un tempo di 43''86; il 24enne inglese David Peter Hemery segnerà il record di 48''12 nei 400 ostacoli; Al Oerter entra nella storia vincendo a 32 anni, e per la prima volta in assoluto, il quarto titolo olimpico consecutivo nella stessa specialità: lancio del disco; la polacca Szewinska segnerà il record sui 200 metri in 22''58.