Validità dell'esonero di responsabilità
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Validità dell'esonero di responsabilità

Palestre e centri fitness fanno spesso sottoscrivere degli accordi sull'esonero di responsabilità. Qual è il valore legale di questi accordi dal punto di vista civile e penale?

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Validità dell'esonero di responsabilità

È piuttosto frequente che i gestori di palestre, pensando di tutelarsi da responsabilità facciano sottoscrivere a chi si iscriva un modulo nel quale si dice che la palestra non si assume responsabilità in caso di infortunio.

La domanda è se tali moduli abbiano qualche valenza giuridica.

È necessario fare una premessa: il gestore della palestra deve garantire che le attività da essa organizzate si svolgano in piena sicurezza ed in contesti idonei. La sua responsabilità può discendere sia da una mancata adozione di cautele nello svolgimento dell'attività sportiva sia da omessa o insufficiente manutenzione degli attrezzi/macchinari o degli impianti di cui i partecipanti debbono servirsi sia da omesso o insufficiente controllo da parte degli istruttori sullo svolgimento dell'attività sportiva.

La responsabilità dell'Ente potrà essere sia di natura civile sia di natura penale. Per quella penale rileva, in particolare, il reato di lesioni personali colpose di cui all'art. 590 c.p. o, nei casi più gravi, il reato di omicidio colposo di cui all'art. 589 c.p..

La sottoscrizione di un modulo di "esonero da responsabilità" libera il gestore da questi obblighi?

Per la responsabilità penale, è pacifico che la stessa non possa essere esclusa in forza di alcun patto.

In ambito civile l'art. 1229 c.c. ammette questa esclusione salvo che si tratti di patto che 1) "esclude o limita preventivamente la responsabilità del debitore per dolo o colpa grave", 2) comporta "esonero o di limitazione di responsabilità per i casi in cui il fatto del debitore o dei suoi ausiliari costituisca violazione delle norme di ordine pubblico". In questa seconda ipotesi l'art. 1229 c.c. prevede la sanzione della nullità per il relativo patto.

L'attività e, dunque, la connessa responsabilità del gestore della palestra attiene all'ambito della sicurezza e dell'incolumità delle persone fisiche: in quanto tale, è regolata da norme di ordine pubblico. Ne consegue che questa responsabilità non può essere esclusa o limitata da nessun patto che risulterebbe comunque nullo.

Va segnalato, inoltre, come l'art. 5 del codice civile rubricato "Atti di disposizione del proprio corpo" vieti gli "atti di disposizione del proprio corpo […] quando cagionino una diminuzione permanente della propria integrità fisica…". Ciò conferma, dunque, l'impossibilità di escludere o limitare la responsabilità di chi rechi un danno, anche solo per colpa, all'incolumità fisica altrui.

Il modulo che viene fatto sottoscrivere a chi si iscrive in palestra non è idoneo a esonerare la struttura da responsabilità, né civile né tantomeno penale, nel caso di infortunio poiché é un accordo di esclusione preventiva di responsabilità e riguarda un ambito (quello della sicurezza) ampiamente regolato da norme di ordine pubblico.

La sottoscrizione di tali moduli non importa dunque alcuna rinuncia preventiva ad un eventuale risarcimento qualora si verifichi un infortunio che implica la responsabilità del gestore della struttura.

Per quanto attiene l'esonero preventivo di responsabilità del gestore della palestra per i furti avvenuti all'interno della medesima, fatto valere tramite l'apposizione di cartelli o la sottoscrizione di clausole contrattuali all'atto dell'iscrizione le conclusioni sono le medesime già svolte per l'esonero da responsabilità per infortunio ma diverse sono le ragioni.

La figura del gestore della palestra è difatti equiparata a quella dell'albergatore i cui obblighi sono disciplinati dagli artt. 1783 e ss. del codice civile ove si stabilisce la responsabilità per il deterioramento la distruzione o la sottrazione delle cose portate dal cliente. Non vi è responsabilità solo nel caso in cui tali eventi siano dovuti a colpa del cliente o a forza maggiore. L'art. 1785 quater stabilisce la nullità dei patti o delle dichiarazioni tendenti ad escludere o limitare preventivamente la responsabilità del gestore. L'art. 1786 estende ad altre figure (fra cui i gestori di impianti sportivi) gli obblighi previsti per gli albergatori.

In tale quadro normativo la sottoscrizione di un modulo di esonero da responsabilità del gestore della palestra in caso di furto all'interno della medesima non ha alcun valore legale e non implica alcuna rinuncia preventiva al risarcimento.