IMC: indice di massa corporea
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

IMC: indice di massa corporea

L'indice di massa corporea come strumento di rilevazione del rapporto peso/statura e del rischio cardiocircolatorio connesso

Autore:
Ultimo aggiornamento:

IMC: indice di massa corporea

L'indice di massa corporea (IMC o BMI) è un semplice e rapido calcolo che consente di stimare il peso corporeo di un soggetto, ovvero determinare se è in una condizione di sovrappeso, sottopeso o normopeso.

La sua applicazione è estremamente semplice, basta misurare la statura del soggetto e il suo peso corporeo. Successivamente bisognerà applicare la formula che segue:


BMI = peso in Kg/(statura in metri)2
Formula per il calcolo dell'indica di massa corporea

Se un soggetto alto 1,75 metri ha un peso corporeo di 80 Kg, procederemo come segue:

BMI = 80/(1,75)2 = 80/3,0625 = 26,122
Esempio di applicazione della formula

Il risultato ottenuto, ossia 26,122 è da interpretare secondo quanto riportato:

VALORE BMI SITUAZIONE
< 18 sottopeso
fra 18.5 e 25 peso ottimale
fra 25.1 e 30 sovrappeso
fra 30.1 e 40 obesità
> 40 obesità grave

Nell'esempio precedente, il soggetto si attesta in una situazione di lieve sovrappeso.

L'indice di massa corporea ha il suo punto debole nel dato rilevato, che nulla comunica rispetto alla composizione corporea. Questo significa che, se un soggetto è particolarmente muscoloso, il suopeso considerevole lo porrà (rispetto all'IMC) in una condizione di sovrappeso, anche se la sua composizione corporea è di tutt'altra natura. La ragione è imputabile proprio al peso specifico della massa muscolare, particolarmente elevato rispetto alla massa adiposa.

Ad onor del vero è da riferire che, pur trovando impiego per una rapida determinazione del rapporto tra il peso e la statura dell'individuo, l'IMC evidenzia soprattutto i rischi connessi all'acquisizione di patologie di particolare gravità, o al verificarsi di eventi fortemente rischiosi (come un infarto cardiaco), proprio a seguito del peso di un soggetto.

Pertanto, seppur comunemente si identifica il valore dell'IMC su una scala che va dal sottopeso all'obesità grave, passando per la condizione di peso ideale, sarebbe più corretto identificare il risultato come incremento o decremento del rischio di incorrere in gravi conseguenze per la propria salute, e perfino per la propria sopravvivenza.

Tenendo ulteriormente presente che, il rischio non diminuisce al diminuire sconsiderato del peso corporeo, ma solo nel range che viene comunemente definito di "peso ideale". Allontanandosi in eccesso o indifetto da quel valore, in ogni caso i rischi per la propria salute aumentano, per quanto è certamente più grave (e frequente) l'individuazione di soggetti che si discostano per eccesso dal valore ottimale, piuttostoche per difetto.

Video di approfondimento