Le attività motorie di gruppo per giovanissimi e per gli anziani
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Le attività motorie di gruppo per giovanissimi e per gli anziani

Le attività motorie di gruppo rivolte a soggetti particolarmente giovani, o adulti, necessitano di particolari accorgimenti e precauzioni, vediamo quali

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Le attività motorie di gruppo per giovanissimi e per gli anziani

Queste due fasce della popolazione necessitano ulteriori attenzioni, i più giovani non sono risparmiati dai problemi legati alla sedentarietà, sia sotto il profilo delle patologie di carattere organico, come l'obesità, il diabete, la sindrome metabolica, che sotto il profilo legato ai disagi dell'accettazione e del desiderio di appartenere ad un gruppo, e di essere riconosciuti come tali.

Nelle fasce adulte ed anziane della popolazione, le attività motorie in genere, e quelle di gruppo in particolare, stimolano il mantenimento di interessi proficui sul piano sociale, emotivo, e fisico. Rallentano la perdita di efficienza fisica che si accompagna alla perdita dell'autonomia e a situazioni di disagio e depressione. Aumentano le occasioni di incontro e convivialità, evitano la diminuzione del tono muscolare, prevengono il sovrappeso e le patologie cardiovascolari ad esso associate.

Grandissima attenzione occorrerà porre nella scelta delle attività e dei carichi di lavoro richiesti, evitando la selezione di quelle proposte che potrebbero porre in forte difficoltà gli elementi meno capaci, che sarebbero immediatamente messi da parte dal gruppo, troncando ogni possibilità di migliorarsi.

Per i ragazzi in età scolare sarebbe vivamente consigliata la pratica quotidiana di un'ora di attività fisica avente intensità medio/alta in rapporto alle loro capacità(1), sotto il profilo dei benefici organici, la regolare pratica motoria è il metodo migliore per prevenire il diabete insulino resistente, e la sindrome metabolica, fin nelle fasce più giovani della popolazione(2), garantendo al contempo un'ottimale processo di crescita e sviluppo osseo capace di porre le basi per la prevenzione di fenomeno osteoporotici nella vita adulta.

Ripercussioni positive si avranno non solo nel settore delle prestazioni motorie e dell'efficienza fisica, ma anche con una serie di transfert delle prestazioni psicomotorie(3) e, più in particolare, nella:

  • Formazione e miglioramento delle capacità cognitive
  • Sviluppo delle capacità affettive
  • Consolidamento di tratti della personalità
  • Fiducia verso se stessi ed i partner
  • Altruismo e responsabilità nei confronti dei componenti del gruppo
  • Sviluppo delle relazioni sociali e controllo dell'aggressività

Lavorando con le fasce più giovani della popolazione l'attività motoria di gruppo rappresenterà un valido sussidio nella promozione dei processi di crescita e prestazione fisica in generale, come nell'acquisizione di una gerarchia dei valori per se stessi e per il contesto sociale in cui si opera(4),(5).