Disturbi del comportamento alimentare
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Disturbi del comportamento alimentare

I disturbi del comportamento alimentare rappresentano attualmente una vera emergenza, sia dal punto di vista psicologico che neuroscientifico. SI tratta di una serie di disturbi che riguardano la popolazione nella sua interezza

Cerca tra i nostri articoli

Definizione di DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

Con il termine Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA), si fa, di solito, riferimento a patologie caratterizzate da un profondo disturbo, o disagio, per  un alterato rapporto con il cibo e con il proprio corpo, cioè caratterizzate da una profonda alterazione di tutte le dinamiche legate all'alimentazione . In particolare, il DSM-IV definisce disturbi dell'alimentazione q

Quadro clinico dell'anoressia nervosa

I criteri standard, definiti dal manuale psichiatrico DSM IV-TR, per una diagnosi corretta di anoressia nervosa sono: "una magrezza estrema (non costituzionale ma volontaria), con rifiuto di mantenere il peso al di sopra di una soglia minima ritenuta normale (anoressico è un soggetto con peso sotto l'85% di quello previsto in base all'età ed alla altezza e/o l'indice di massa

Sindrome da alimentazione notturna

In queste pagine verranno presi in esame i disturbi non altrimenti specificati o NAS. In questo gruppo, secondo il DSM IV R, sono compresi tutti quei disturbi alimentari che non soddisfano i criteri di alcun specifico disturbo dell'alimentazione. Vengono così inclusi quei disturbi del comportamento alimentare in cui: per il sesso femminile, tutti i criteri dell'anor

Dieting e BED

Nel c.d. disturbo da "dieta cronica" (dieting), vi è un controllo esagerato del peso, associato ad una attenzione quasi maniacale alla dieta ed ad angoscia ogni volta che il peso cambia. Le persone affette da questo disturbo conducono una vita normale, tuttavia indirizzata verso un unico scopo, finalizzata alle esigenze della dieta tanto che, ad esempio, uscire a cena con a

Altri disturbi del comportamento alimentare

Ortoressia L'ortoressia è l'ossessione di mangiare cibi corretti, sani, non inquinati da conservanti e pesticidi, come sottolinea l'etimologia greca: "Orthos" che significa giusto, sano, corretto, e "orexis" che significa appetito. L'ortoressia, tuttavia, ufficialmente non è ancora riconosciuta da nessun organismo scientifico, né dal DSM, né dall'OMS (Organizzazione Mondia

Eziopatogenesi dei disturbi del comportamento alimentare

Oggi la ricerca scientifica propone, per i disturbi del comportamento alimentare, modelli multifattoriali che fanno riferimento ad un'ottica bio-psico-sociale, in quanto non esiste una causa unica ma una concomitanza di fattori che possono variamente interagire tra loro nel favorirne la comparsa e il perpetuarsi dei DCA. L'ottica multidimensionale attraverso la quale sono vi

Bibliografia

Bertrando P. Lezioni del corso di psichiatria Università Telematica Uniecampus Novedrate 2010 Andreoli G., Cassano G.B., Rossi R., Mini DSM-IV-TR. Criteri diagnostici, Elsevier Masson, Milano, 2002 , p. 283 Biondi M., Carpiniello B., Muscettola G. Manuale di psichiatria, Elsevier Masson, Milano, 2009 , p. 171 A.A. Convegno "La linea sottile", Todi, 201

Anoressia nervosa: definizione e criteri diagnostici

L' anoressia nervosa (AN 1 ) è classificata dal DSM-IV Manuale Statistico e Diagnostico dei Disturbi Mentali 2 tra i Disturbi dell'Alimentazione (DCA 3 ), caratterizzati dalla presenza di grossolane alterazioni del comportamento alimentare; essa insorge in età prevalentemente adolescenziale e si presenta come il desiderio di intraprendere una dieta dimagrante da parte di sogget

Danza e disturbi del comportamento alimentare

I disturbi del comportamento alimentare nello sport sono un problema diffuso verso il quale negli ultimi anni è aumentato l'interesse ma, purtroppo, le conoscenze a riguardo sono ancora molto scarse. Molte sono le atlete che si sottopongono a diete incongrue, non adatte allo sport praticato e che spesso si ritrovano in una condizione di iponutrizione. Spesso per la fobia del

Anoressia Nervosa: quadro clinico obiettivo

Il quadro clinico dell'anoressia nervosa è dominato dal calo ponderale , da una grave emaciazione e – nelle donne – dall' amenorrea . Il calo ponderale può variare dal 15% al 30-40% rispetto al peso ideale previsto per età ed altezza ed è dovuto ad una restrizione calorica volontaria, da cui deriva uno stato di significativa denutrizione . Questa condizione induce una ser

Anoressia atletica

Il peso corporeo rappresenta un fattore particolarmente rilevante in molte discipline sportiva e, per la maggior parte di esse, è stato messo a punto uno standard di peso che dovrebbe assicurare a ciascun atleta un peso ed una composizione corporea ideale per la prestazione ottimale. Tuttavia, un uso scorretto degli standard di peso ha portato a gravi eccessi : infatti, è stato de

La triade delle atlete

La " triade delle atlete " identifica una sindrome che è stata definita per la prima volta dall'American College of Sport Medicine (ACSM), nel 1992. La triade delle atlete prevede la presenza di una triplice sintomatologia: Disturbi alimentari Amenorrea Osteoporosi La prevalenza di questa malattia è elevata in sport che enfatizzano la magrezza quali

Quando l'esercizio fisico è eccessivo e compulsivo

In riferimento ai disturbi dell'alimentazione – e in particolare all'anoressia nervosa – l' attività sportiva assume una connotazione prevalentemente negativa, poiché essa viene spesso utilizzata come meccanismo di compenso dalla persona anoressica . Pertanto, sono stati introdotti, accanto all'"esercizio fisico" gli aggettivi "eccessivo" e "compulsivo", che dell'attività fisic

Schema corporeo e immagine corporea

Il tema della corporeità si è inizialmente sviluppato nel campo medico neurologico attraverso il concetto di " schema corporeo " 1 , introdotto da Bonnier con il significato di rappresentazione topografica e spaziale del corpo ; lo studioso, infatti, sulla base dell'attività vestibolare, conferisce al soggetto un senso di spazio che permette di orientarsi oggettivamente nel m

Come si costruisce l'immagine corporea

L'immagine corporea è un costrutto multidimensionale, caratterizzato dalle percezioni e dalle valutazioni dell'individuo rispetto al proprio aspetto fisico; alla definizione di tale costrutto concorrono due aspetti: Body Image Evaluation 1 , riguardante il grado di soddisfazione o insoddisfazione per il proprio aspetto e connessa alla componente percettiva, la quale si

Disturbi dell'alimentazione

I disturbi dell'alimentazione nelle ultime due decadi hanno attratto un grande interesse nei media e nella gente comune, ma tuttora costituiscono un enigma per i ricercatori e una difficile sfida per i clinici. Le loro cause non sono note, anche se un'interazione complessa di fattori biologici, psicologici e sociali sembra giocare un ruolo potenziale nell'aumentare il rischio d

Mangiare troppo poco: problemi per le atlete

La ridotta assunzione di macronutrienti, specialmente amminoacidi e acidi grassi essenziali, può ridurre nel corpo la capacità di formazione ossea, di mantenimento della massa muscolare, di riparazione di tessuti danneggiati e di recupero da un infortunio (Manore M.M. et al, 2007). La maggior parte delle atlete necessitano di almeno 5 – 6 g di carboidrati per chilogrammo di pe

L'immagine corporea distorta nell'anoressia nervosa

L'insoddisfazione per la forma del proprio corpo – in generale o di alcune parti di esso – può essere associata ad una distorsione dell'immagine corporea ; questa scontentezza, in particolare, scaturisce dal fatto che, nella costituzione e nello sviluppo dell'immagine corporea, grande importanza è attribuita alle variabili socioculturali, che rinforzano l' attuale standard irrea