La FORZA del gioco
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

La FORZA del gioco

È possibile allenare la forza nei bambini? La letteratura scientifica abbonda di pubblicazioni in merito a questo argomento. Andiamo a vedere quali sono i giusti esercizi.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

La FORZA del gioco

Premessa fondamentale: parlare di sollecitazione della forza nei bambini non significa pensare all'allenamento classico in palestra che viene effettuato dagli adulti. La letteratura scientifica è ricca di riferimenti utili circa la metodologia da adottare per stimolare opportunamente questa capacità condizionale anche nei più piccoli. L'aspetto della forza che andrebbe sollecitato nella prima età scolare (dai sei ai dieci anni) è quello della forza rapida, evitando qualsiasi tipo di sovraccarico che non sia il solo peso corporeo del bambino e sempre in forma ludica.

Volete qualche esempio? Salto della funicella, saltelli con sacchi, giochi che prevedano dei piccoli balzi sia frontali che laterali, lavori con gli ostacolini bassi. Proprio con gli ostacolini si possono eseguire una quantità enorme di esercizi soltanto variando la modalità di "attacco" dell'over che può essere frontale, laterale, con un solo appoggio, due appoggi, incrociato, in regime pliometrico…l'importante è non eccedere nella quantità ! soprattutto con la pliometria mi raccomando di utilizzare gli ostacoli più bassi e di non far eseguire più di sei balzi per serie (ad esempio si può iniziare con 4 serie da 4 balzi per poi gradualmente aumentare) , questo per evitare una eccessiva sollecitazione all'intero apparato locomotorio del bambino. Il principio della progressività è importante, ma lo è ancor di più la salute dei piccoli quindi massima attenzione all'esecuzione di tutti quei gesti che prevedano salti o balzi; in questo caso dev'essere bravissimo l'istruttore all'inizio nel far capire ed eseguire correttamente questo tipo di esercitazioni.

Il lato positivo di queste metodiche di allenamento è che nel contempo stimolano anche alcune capacità coordinative come ad esempio (foto sopra) l'equilibrio in forma dinamica, aspetto molto importante nel completare il bagaglio motorio di un giovane atleta.

Ecco un altro tipo di esercitazione per la forza veloce, in regime pliometrico. Lo consiglierei per bambini al di sopra dei dodici anni ed anche in questo caso sollecito oltre che la forza rapida anche l'aspetto coordinativo del ragazzo. Sono solo alcuni esempi ovviamente, ma è importante capire il concetto che ne sta alla base; allenare la forza rapida nei bambini è importante, indipendentemente dal contesto sportivo nel quale ci troviamo (calcio, basket, pallavolo, tennis…). Sarebbe opportuno, a mio avviso, dedicare in ogni allenamento quindici minuti per esercizi che rispecchino queste peculiarità e condotti da istruttori ben consapevoli di quello che vanno a proporre.

Nel corso Istruttore Fitness per Bambini l'argomento della forza viene ovviamente preso in considerazione e "sviscerato" a dovere, sia in forma teorica che pratica. Troppo spesso ancora oggi si vedono su molti campi sportivi o palestre esercizi assolutamente deleteri per i giovani atleti; sarebbe opportuno capire che il rischio nell'eseguire queste esercitazioni esiste e solo un buon istruttore preparato può limitare al minimo questa variabile ed enfatizzare al massimo i benefici indubbi che i bambini possono trarre dallo svolgimento di questi esercizi.