Focus Psicologia
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Focus Psicologia

Articoli di approfondimento dell'area Psicologia. Gli scritti di divulgazione scientifica più interessanti per un pubblico di appassionati e di professionisti

Cerca tra i nostri articoli

Tecniche di rilassamento: il training autogeno

Il Traning autogeno Messo a punto dal Tedesco J.H. Schultz nel 1932 il Training Autogeno è un metodo di auto-addestramento che insegna a produrre volontariamente nel proprio organismo dei fenomeni di distensione somatici e psichici, in particolare: Diminuzione del tono muscolare Distensione viscerale Vasodilatazione Regolazione del sistem

Il condizionamento fisico nello sport attraverso il controllo della mente

In questa società dove purtroppo tutto è ormai lontano dal vivere secondo dei parametri di "normalità" spesso paghiamo il prezzo di una qualità di vita certamente migliore ma contornata e condizionata da ritmi di produzione troppo elevati, caos snervante e momenti importanti della nostra crescita in cui siamo obbligati a stressanti sedute giornaliere sui banchi di scuola, quando il

Il ruolo delle routine pre-gara

Sono sempre più discusse le potenzialità di un allenamento psicologico che permetta un miglioramento delle capacità mentali individuali, finalizzate all'ottimizzazione delle attività cicliche quali l'allenamento e la gara. Molti articoli sono stati scritti su questo argomento: il ruolo dello stress, le dinamiche di gruppo, l'ansia prestazionale, ma ancora poco si conosce su tematic

Lo stato di flow nel basket

Quasi tutti gli atleti hanno sperimentato nella loro carriera sportiva, una condizione psicofisica particolare, in cui la loro prestazione sportiva sembrava fluire senza sforzo apparente, come una specie di momento magico in cui tutto funzionava alla perfezione oltrepassando i normali standard individuali di rendimento sportivo. Questa esperienza, definita come stato di "flow" ,

Lo stato di flow nel basket - seconda parte

Consapevolezza focalizzata : l'attenzione è perfettamente focalizzata sugli stimoli rilevanti della prestazione (focus attentivo ristretto) ed utilizza al meglio tutti i canali sensoriali: l'atleta è completamente centrato sul compito, fino ad avvertire una distorsione spazio - temporale dell'esperienza. Ad esempio gli avversari possono essere "visti" come più piccoli, lenti e pre

Espressione grafica e personalità

L'interesse suscitato nel corso degli ultimi anni, in vari ambienti, in merito allo scarabocchio , non è da considerarsi privo di fondamento. L'analisi che è stata condotta denota, infatti, l'importanza del potere comunicativo di un tale elementare grafismo. È il tipico modo di esprimere sensazioni e stati d'animo del bambino, ancora incapace di una comunicatività verbale t

I linguaggi della comunicazione

Assunto che la Pedagogia sia una scienza pratico-prescrittiva e che il suo oggetto di studio specifico sia l'educazione ,non possiamo ritenere che le varie branche che negli anni si sono sviluppate abbiano un diverso ed esclusivo oggetto di indagine, rispetto all'educazione esse trovano fra loro numerosi punti di intersezione e non di sovrapposizione. Come A. Mangano ha affermato:

Accoglienza e integrazione

Nell'usuale prassi riabilitativa, rivolta a soggetti con difficoltà, si fa riferimento, ormai da qualche tempo, ad un intervento che sia il più possibile "sistemico" , intendendo con ciò la cooperazione di tutta una rete di presenze formative che vanno dalla famiglia alla scuola, dalla sanità alle strutture ricreative e a tutto quello che ruota intorno al fanciullo e che su di l

Accoglienza e integrazione - seconda parte

Occorrerà arrivare al periodo successivo all'avvento della Carta Costituzionale , per scorgere i primi tentativi di un idoneo inserimento dei disabili nella scuola e nel lavoro. Così recitano gli articoli 34 e 38 della Costituzione Italiana del 1948: art. 34 " La scuola è aperta a tutti. L'istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita. I capaci e

Accoglienza e integrazione - terza parte

Solamente dopo il 1970 cominciò a farsi largo l'idea che il problema degli handicappati doveva essere affrontato in maniera più seria e precisa. Segnale di questi primi convincimenti fu la legge 30/03/1971 n° 118 sulle norme a favore dei mutilati ed invalidi civili, in cui all'Articolo 27 si leggeva: " Per facilitare la vita di relazione dei mutilati e invalidi civile, gli edific

Desiderio e necessità nell'esperienza acquatica

Non è difficile per chi è uso alla lettura, incontrare, sovente, riferimenti e versi dedicati all'infinito racconto offerto all'uomo dalla natura. I molteplici aspetti e le inaspettate figure che essa è in forza di produrre le permettono, infatti, di corredare e arricchire interiormente il testo narrativo fino a divenirne, a volte, essa stessa oggetto e ragione del narrare. Può ca

Desiderio e necessità nell'esperienza acquatica - seconda parte

M. Bonaparte sostiene che la natura è per l'adulto: "… una madre immensamente espansa, eterna, proiettata nell'infinito" e in particolare aggiunge: "Il mare rappresenta per gli uomini uno dei maggiori e costanti simboli materni" . In altre parole l'acqua assurge al ruolo di "latte" di Madre Natura a cui tutti, più o meno consapevolmente, dobbiamo qualcosa. Bachelard ci riporta,

Desiderio e necessità nell'esperienza acquatica - terza parte

Sicuramente, afferma Starkie , lo spunto si trova nelle sue letture, ne " Il mare " di Michelet, nel "Gordon Pym" di Poe, in " Ventimila leghe sotto i mari " di Verne (produzioni a loro volta fantastiche), ed altre e il punto di partenza iniziale è certamente "Le voyage" di Baudelaire , la poesia più lunga ch'egli abbia mai composto. Ciò che, comunque, appare interes

Desiderio e necessità nell'esperienza acquatica - quarta parte

La natura, quindi, come voce protagonista della nostalgia, dello sconforto, ma altresì della speranza di ricongiungimento, anche quando questa vien meno come nel caso di Foscolo e della sua Zacinto : " Né più mai toccherò le sacre sponde ove il mio corpo fanciulletto giacque, Zacinto mia, che te specchi nell'onde del greco mar da cui vergine nacque Venere, e fea quell'isole f

Corsa ed autoconsapevolezza

La vita della persona è determinata da una serie di scelte sin dalla nascita, tali scelte possono essere volontarie o involontarie, proprie o fatte da altri, e, a queste scelte, corrispondono degli esitamenti in quanto quando si sceglie, allo stesso tempo si evita qualcos'altro, ad esempio se si sceglie di nascere di testa, allo stesso tempo si evita di nascere di piedi. Anche se,

L'insoddisfazione per il proprio corpo e l'impiego di sostanze dopanti

All'inizio l'autoprescrizione degli Steroidi Anabolizzanti (AS) riguardava solo atleti d'élite praticanti sport di potenza, ma in seguito si estese a macchia d'olio alle altre discipline sportive ed anche ad atleti amatoriali. Il loro abuso continuò a diffondersi sempre più nel mondo dello sport, soprattutto nelle palestre di body building dove vengono assunti al solo scopo di m

Conosci te stesso attraverso la Grafologia

Quante volte abbiamo sentito citare questa frase, ma cosa significa conoscere se' stessi? Dietro l'apparente semplicità di queste parole sono racchiusi significati profondi e piuttosto articolati . Conoscersi significa porre sotto un'analisi obiettiva ed onesta la propria persona, mettendosi un po' a nudo, per scoprire il proprio potenziale affettivo, emotivo ed intellettivo

Cos'è la grafologia

La grafologia è una scienza umana (come la psicologia, la medicina, etc) che permette di conoscere con estrema precisione la personalità di un individuo attraverso l'analisi della scrittura. Non sono pochi coloro che hanno una idea falsata della grafologia e che la legano ad un'arte divinatoria o ad un gioco divertente, secondo cui si aspettano di " azzeccare" qualche cosa di rela

La personalità e i meccanismi di difesa

Che cosa è la personalità? Con questo termine si intende l'insieme e l'interazione dinamica di due principali aspetti: il temperamento ed il carattere . Vediamo di chiarire sinteticamente questi due aspetti. Il temperamento consiste nell'insieme di caratteristiche genetiche sia fisiche che psichiche presenti fin dalla nascita. Non ereditiamo solamente il colore degli occhi, dei

La personalità e i meccanismi di difesa - seconda parte

Il sistema topografico: Inconscio, Preconscio e Conscio Secondo questa teoria la psiche è costituita da: Inconscio: è la sede dei pensieri, desideri, sentimenti e pulsioni che sono ritenuti inaccettabili sul piano morale, per questo sono tenuti nell'oblio della psiche umana, coperti da pensieri più accettabili ma meno autentici. I contenuti di questa sede psichica non sono facilm

La personalità e i meccanismi di difesa - terza parte

Freud fu anche il sostenitore della teoria pulsionale, sostenendo che in ogni individuo coabitano principalmente due pulsioni con finalità esattamente opposta: pulsione di vita e pulsione di morte . Eros e Thanatos, l'istinto di vita e l'istinto di morte, le due pulsioni che regolano le azioni dell'uomo indirizzandone la motivazione inconscia. Attraverso l'esame dell'utilizzo di

La personalità e i meccanismi di difesa - quarta parte

Secondo la teoria psicoanalitica lo sviluppo della personalità avviene attraverso il superamento di alcuni stadi psico-sessuali, ad essi sono legate alcune zone fisiche denominate zone erogene. Le zone erogene sono delle parti fisiche che se stimolate creano sensazioni piacevoli. Nel corso della sua ricerca sulla psiche umana, Freud suddivise lo sviluppo psicosessuale in 5 fasi:

La personalità e i meccanismi di difesa- quinta parte

La teoria psicoanalitica mette in luce il concetto di conflitto che nasce inevitabilmente poiché nell'essere umano esistono tendenze opposte che si scontrano. In ogni essere umano ci sono tendenze opposte che vorrebbero essere soddisfatte, cosi come esiste una realtà esterna che pone dei limiti al nostro volere. L'individuo in questo caso cerca di evitare il disagio creato da

La personalità e i meccanismi di difesa secondari

Isolamento: l'aspetto affettivo ed emotivo di una situazione o un'idea viene separato dalla sua dimensione cognitiva. Indica distacco e freddezza, la persona ha imparato ad innalzarsi al di sopra di tutto per non soffrire, mostrandosi forte, sicura di sé e controllata. Sono persone caute nei rapporti, che faticano a legare con immediatezza e a farsi coinvolgere, sono coloro che ra

Attività fisica e depressione

Una delle malattie mentali più comune è la depressione. Questa patologia spesso viene sottodiagnosticata e frequentemente trattata in maniera non adeguata. La sintomatologia della depressione è molto complessa e si sviluppa su vari aspetti della psiche umana che interagiscono tra loro. Si può comunque asserire che è caratterizzata da una serie di sensazioni negative quali tristez

Fumo e performance sportiva

Nel mondo dello sport non è così infrequente incontrare un fumatore: molti sportivi dilettanti fumano e addirittura alcuni atleti lo fanno. Più che domandarcene le ragioni, analizziamo i dati di fatto. Tanto per cominciare, sfatiamo il mito che lo sport cancelli o attenui i danni del fumo: questo è un luogo comune quanto mai falso. Non è assolutamente vero che un'alimentazione eq

Autoefficacia e prestazione sportiva

L'autoefficacia è la convinzione della propria capacità di fare una certa cosa, o in altre parole, di raggiungere un certo livello di prestazione. Le convinzioni di efficacia sono relative a specifici domini di attività e di situazioni, riflettono particolari abilità. L'autoefficacia viene definita dallo psicologo Albert Bandura come "la fiducia che una persona ripone nella propri

I disturbi del comportamento alimentare

Molti ne soffrono ma pochi ne sono a conoscenza, un numero ancora inferiore di persone si cura: si tratta dei disturbi del comportamento alimentare, cioè di specifiche patologie a causa delle quali gli individui instaurano cattivi rapporti col cibo e col proprio corpo. Per scoprire se si è affetti da uno di questi disturbi basta domandarsi quanto tempo al giorno dedichiamo a pen

Binge Eating Disorder: cos'è e come funziona

È annoverato tra gli EDNOS (Eating Disorder Not Otherwise Specified), cioè tra quei disturbi alimentari che ancora non hanno trovato una classificazione diagnostica propria, assomiglia alla bulimia per quel che riguarda le abbuffate, ma non prevede condotte di compenso, cioè chi ne soffre non si sottopone poi a periodi di digiuno, né si auto-somministra lassativi e diuretici.

Vigoressia: un disturbo solo maschile?

È il tipico disturbo dei body-builders in cui i muscolosi frequentatori di palestre ed attrezzi, pur avendo già raggiunto ottimi standard fisici, continuano a percepirsi "piccoli" e bisognosi di ulteriore allenamento. A ciò si associa anche la rigida osservanza di regimi alimentari particolari, tipicamente iperproteici , oltre all'uso intensivo di integratori. Ma purtroppo,

La bulimia: criteri per identificarla

Nella bulimia nervosa la preoccupazione principale è quella di mantenere o raggiungere una forma fisica che corrisponda agli standard della moda, le persone, generalmente normopeso, trascorrono gran parte della propria quotidianità a formulare pensieri e a compiere azioni tese alla riduzione del proprio peso e al miglioramento del proprio corpo. Ciò avviene in quanto, come pe

La dismorfofobia

La dimorfofobia o dismorfismo corporeo è un disturbo d'ansia che poggia su valutazioni erronee di dati reali, dai quali poi scaturiscono paure e comportamenti disfunzionali, più semplicemente, chi ne soffre non riesce a percepire il proprio aspetto fisico con chiarezza ed obiettività, considerando alcuni particolari distretti corporei come dei veri e propri difetti o deformità . Q

Cosa apprendere da un campione

Lo psicologo deve essere molto attento a quello che gli succcede attorno ed è abituato a cercare risorse nelle difficoltà, nel disagio, ad essere resiliente, ad affrontare la frustrazione. Oggi avevo appuntamento con altri 2 colleghi psicologi alla stazione della Metro "Subaugusta" per andare assieme al lavoro ed essendo arrivato in anticipo ho preso un paio di mini quotidiani free

Migliorare la prestazione con l’EMDR

L'Eye Movement Desensitization and Reprocessing (EMDR) è un approccio psicoterapeutico integrato e trasversale che si focalizza sulla risoluzione delle problematiche, conflitti, disagi attuali considerando che ciò che accade ora deriva dalle informazioni, ricordi del passato, antichi che sono stati congelati nella memoria. La focalizzazione dell'EMDR è sul ricordo dell'esperienza

60.000 Italiani malati di fitness

La vigoressia è un disturbo del comportamento che colpisce un numero crescente di persone in Italia, secondo il recente studio portato a termine dal Dott. Pierluigi De Pascalis, si stima che ne siano affette oltre 60.000 persone. Il problema non si esaurisce con atteggiamenti maniacali rispetto alla propria condizione fisica, circostanza già sufficientemente grave, ma determina una

L'età senile: vita vissuta e prospettive future

La vita è suddivisa in fasi, che si modificano e si scambiano con il trascorrere del tempo, dall'età infantile a l'età adolescenziale, passando per quella adulta fino a giungere all'età matura o senile. La vita è un percorso variegato che è caratterizzato da particolarità e tappe obbligate che scandiscono l'esistenza di ciascuno di noi. Se l' età infantile può essere conside

Lo sport come antidepressivo

Che l'attività fisica abbia numerosi effetti benefici è risaputo, al punto che ci sarebbe da domandarsi come mai ci siano in giro tanti reticenti che ancora si professano sedentari, quello che forse alcuni non sanno è relativo all'azione benefica dell'attività non solo sul piano fisico, ma anche su quello emotivo. Certamente dopo aver fatto sport " ci si sente meglio ", occorre per

L'empatia

Per Empatia si intende quel particolare atteggiamento che permette di decentrarsi dal proprio personale punto di vista e comprendere nel profondo le sensazioni della persona con cui entriamo in rapporto. Spesso per instaurare un rapporto autentico con un'altra persona è necessario prima di tutto mettersi nella condizione di poter tralasciare le proprie personali convinzioni e nec

Il linguaggio del corpo

Quando parliamo di "linguaggio del corpo" , focalizziamo il nostro interesse su un "universo" pieno di peculiarità e ricco di risorse, che merita la nostra attenzione dato il suo grande fascino. È davvero importante infatti non tralasciare e sottovalutare i tanti segnali che il nostro corpo e quello delle altre persone ci offre nella quotidianità; in determinate situazioni

Benessere psicofisico con gestalt therapy

Capita che l'essere umano si accorga di non stare bene e decida di correre ai ripari, nel senso che pensi di stare meglio. Ad esempio l'individuo ad un certo punto della sua esistenza può decidere che è ora di finirla con un suo comportamento o con una sua abitudine e siccome da solo non riesce a prendere tale decisione si rivolge ad una persona competente.

Psicologia dello sport e allenamento della mente

Nelle attività sportive e motorie l'allenamento è il fulcro per il raggiungimento di ogni target che ci si prefigga. Spesso, alla parola allenamento si associa solo l'attività fisica ripetuta con regolarità, costanza e metodo. Ma lo sport non è solo il rendimento del corpo, anzi, si raggiunge la prestazione massimale solo quando mente e corpo sono coordinati, sono tutt'uno. È

La preparazione psicologica come parte integrante dell'allenamento

La preparazione psicologica dell'atleta è per molti versi necessaria quanto quella fisica, dal momento che il pieno utilizzo delle potenzialità atletiche è subordinato alla "forma psicologica". Inoltre la sola preparazione fisica ci assicura l'atleta, mentre quella psicologica ci garantisce l'uomo, soprattutto in quei momenti in cui la pratica agonistica può rivelarsi fonte

Il linguaggio del corpo

Sviluppo motorio e sviluppo socio-relazionale La comunicazione non verbale La disposizione dello spazio I gesti Gli stili educativi degli adulti "Corpore sano" non è per forza "Mens sana" La postura Caratteristiche posizioni del corpo Il linguaggio del corpo è più chiaro di quello delle parole. Inoltre il co

Medito dunque vinco

Capita spesso di vedere atleti professionisti, perfettamente preparati dal punto di vista della forma fisica e delle operazioni motorie richieste dalla loro disciplina, non raggiungere gli obiettivi prefissati e andare incontro ad insuccessi. Uno dei motivi per cui questo accade è che l'atleta ha concentrato tutta la sua preparazione sul versante fisico e corporeo dell'allenamento

Vincere: il talento non basta

Non è sufficiente possedere una grande abilità nell'eseguire un gesto tecnico, anche piuttosto complesso e strutturato, per essere identificato come un talento sportivo . È interessante la definizione che viene proposta nel libro L'allenamento ottimale di Weineck, il quale, riprendendo il pensiero di Joch (1992) lo riporta con le seguenti parole: "ha talento, oppure è un t

Il ruolo dell'attenzione nella prestazione sportiva

L' attenzione è considerata una delle caratteristiche più importanti in ambito sportivo. Negli ultimi anni gli psicologi sportivi si sono sempre più dedicati a indirizzare l'attenzione dell'atleta verso le caratteristiche salienti della sua disciplina sportiva. Per gli atleti è necessario infatti selezionare, fra le mille variabili, l' informazione corretta ed ignorare invece que

Self-efficacy

L'apprendimento motorio in età infantile, riconducibile ad abilità e risultati di competizioni osservabili, è in larga misura influenzato dalle modalità attraverso cui bambini e ragazzi realizzano esperienze positive o negative durante il processo formativo (Feltz et al., 2007). Una convinzione essenziale per affrontare esperienze positive o negative in ambito motorio e sportivo

BMI e insoddisfazione del proprio corpo nei bambini

Molti ricercatori si sono cimentati nel verificare se ci sono correlazioni tra l' indice di massa corporea e l' insoddisfazione del proprio corpo , ed eventuali ripercussioni sulle prestazioni motorie. Su questo hanno lavorato Colella et al. (2009) su un campione di 210 bambini, di cui 105 normopeso (53 maschi e 52 femmine) e 105 in sovrappeso (52 maschi e 53 femmine), di età c

Il ruolo del gioco nell'apprendimento del nuoto

Il gioco è molto importante per l' apprendimento sia motorio che psicosociale del bambino, attraverso questo egli apprende a rapportarsi col mondo esterno e a confrontarsi con esso, costruendo attraverso di questo il suo sé-specchio, "ci si guarda nello specchio per vedere come gli altri ci vedono" (looking-glass-self di Charles Horton Cooley). Attraverso gli altri si impara