La personalità e i meccanismi di difesa secondari
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

La personalità e i meccanismi di difesa secondari

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Isolamento: l'aspetto affettivo ed emotivo di una situazione o un'idea viene separato dalla sua dimensione cognitiva. Indica distacco e freddezza, la persona ha imparato ad innalzarsi al di sopra di tutto per non soffrire, mostrandosi forte, sicura di sé e controllata. Sono persone caute nei rapporti, che faticano a legare con immediatezza e a farsi coinvolgere, sono coloro che raccontano fatti e situazioni con distacco emotivo.
in realtà sono persone ipersensibili che per timore di prendere ulteriori scottature psichiche preferiscono seppellire il sentire. Indica sangue freddo.

Intellettualizzazione: la persona racconta di sé o di fatti e situazioni con distacco, come se non riuscisse a provare emozione, anche se racconta ad esempio di abusi subiti. In positivo tiene a bada l'emotività e l'impulsività, diventa poco proficua quando non si permette alle emozioni e sentimenti di manifestarsi e di affiorare, di scorrere con spontaneità sono le persone sempre formali e che raccontano fatti e situazioni anche drammatiche senza manifestare emozione come pianto, gioia, riso, disprezzo, rabbia.

Razionalizzazione: indica eccesso di ragione che porta a motivare il proprio agito con spiegazioni razionali e logiche. Esempio una ragazza che razionalizza il fatto che non le piacciono le discoteche ed il rumore quando in realtà il motivo inconscio è la vergogna di ballare davanti a tutti o sentirsi goffa.

Compartimentalizzazione: significa permettere a due elementi in conflitto e opposti di esistere senza creare confusione, sensi di colpa, vergogna, angoscia sul piano cosciente. Indica settorialità, la persona non lega i concetti, le idee tra loro secondo una logica razionale e congruente, bensì incasella ogni cosa in maniera asettica, tutto dunque è possibile. Ciò porta ipocrisia, instabilità e inaffidabilità, scarsa lealtà, contraddizione.
Esempio: persone che si dedicano lavorativamente all'handicap mostrandosi umanitari e sensibili ed in casa con un familiare disabile sono disinteressati, aggressivi e sprezzanti. Ancora ad esempio sono coloro che nel pubblico si mostrano contro la violenza femminile e nel privato arrivano a percuotere la moglie. Compartimentalizza anche chi si dice non razzista e poi fa battute razziste, chi recrimina la perversione pornografica e poi possiede egli stesso enorme materiale erotico sessuale, chi si dice un perfetto cristiano e poi bestemmia ed impreca.

Annullamento: è un gesto inconscio che viene attuato per annullare dei sensi di colpa con gesti attuati per farsi perdonare. Alla base vi è il non riconoscimento del senso di colpa e il desiderio di espiare.
Esempio pratico la madre o il padre che trascurano il figlio ed annullano il senso di colpa facendo dei regali al figlio; il marito che si presenta dalla maglie con un regalo per sistemare le tensioni;la figlia che si rende servizievole con la madre perché ha litigato con lei.

Rivolgimento contro il Sè: nasce quando ci si sente impossibilitati a manifestare aggressività o sentimenti di ostilità , per cui essi vengono deviati contro di sé,: la persona si strappa i capelli, mangia le unghie, si ferisce, cade, fa u incidente,

La conversione: significa deviare un conflitto psichico trasformandolo in sintomi psicosomatici, ad esempio la persona che incolpa sempre il proprio mal di testa di non darle tregua quando in realtà esso è sintomo di una incapacità a mostrare e manifestare rabbia accumulata.

Lo spostamento: avviene quando uno stato d'animo, una emozione, una preoccupazione vengono diretti e spostati dall'oggetto iniziale verso un altro, perché la direzione originaria provoca ansia e timore .
Esempio: il marito ripreso dal capo ufficio bruscamente che rientra e se la prende con la moglie che a sua volta magari se la prende con i figli perpetuando questo meccanismo. Lo spostamento avviene anche quando una persona sposta la propria paura e la propria angoscia su situazioni o oggetti fisici: la paura degli insetti, dei cani, degli ascensori, dei luoghi chiusi, etc. Anche la sessualità può essere spostata: l'interesse sessuale viene spostato dagli organi genitali a aree o oggetti inconsciamente collegate: il pittore che dipinge nudi, il fotografo che si occupa di foto di nudo o di sesso, etc...
Trasformazione di energia aggressiva in attività creativa: Lo spostamento può essere indice anche di grande creatività, l'energia aggressiva e sessuale viene trasformata in attività creativa. Esempio gli artisti, una casalinga arrabbiata che per sfogarsi prepara dolci o fa pulizie , una ragazza che perde il lavoro e si dedica allora all'arte, alla musica, alla creatività, etc.

La formazione reattiva: attraverso questo meccanismo un individuo assume inconsciamente atteggiamenti che sono l'opposto dei sentimenti inaccettabili, è la trasformazione di un affetto ritenuto negativo in positivo. Esempio: odio in amore, desiderio in disprezzo, invidia in attrazione, accumulo in sperpero, attività in passività. Un esempio pratico il bambino che dice di essere contento che è nato un nuovo fratellino trasformando i sentimenti di rabbia e gelosia che in realtà prova. Sono le persone fondamentalmente reattive che per farsi notare hanno atteggiamenti da bastian contrario. È necessario sottolineare che l'atteggiamento che sostituisce quello originario, mantiene sempre delle caratteristiche di quello originario. Nell'esempio sopraesposto il bambino che stringerà troppo forte il fratellino mentre lo culla oppure mentre gioca sorridendo gli dà piccoli pizzicotti. Pensiamo ancora a quando dobbiamo fare buon viso a cattivo gioco sorridiamo e ci mostriamo d'accordo quando invece nella nostra testa abbiamo pronto il mitra per fare guerra. Anche in questo caso un'attenta analisi metterà in luce che magari la nostra postura in realtà è di chiusura o il tono di voce non è in linea con quanto manifestiamo. La funzione del meccanismo della formazione reattiva è negare l'ambivalenza tra due sentimenti opposti che ci confondono.
È importante riconoscere i reali stati emotivi e imparare a manifestarli anziché inibirli.