Lo stato di flow nel basket
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Lo stato di flow nel basket

Lo stato di flow nel basket - prima parte

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Quasi tutti gli atleti hanno sperimentato nella loro carriera sportiva, una condizione psicofisica particolare, in cui la loro prestazione sportiva sembrava fluire senza sforzo apparente, come una specie di momento magico in cui tutto funzionava alla perfezione oltrepassando i normali standard individuali di rendimento sportivo.
Questa esperienza, definita come stato di "flow", è caratterizzata da sensazioni di spontaneità e di naturalezza, associata ad un completo e totale assorbimento in quello che si sta facendo, un senso di potenza, di soddisfazione profonda, di benessere e di gratificazione, una sintesi tanto perfetta quanto inaspettata delle proprie risorse personali.

L'atleta quando riesce ad entrare in questo stato di totale attivazione, vive un coinvolgimento totale nella prestazione sportiva, trovandosi in una condizione di equilibrio perfetto tra le abilità personali e le richieste dell'evento sportivo, perchè profondamente convinto di essere in grado di affrontare e spesso di vincere la sfida sportiva che lo attende.
In un ipotetico opposto si ipotizza che, in assenza di tale equilibrio, verrebbero invece vissuti stati mentali negativi quali ad esempio noia(compito poco stimolante rispetto al suo grado di abilità) ed ansia (l'atleta percepisce il compito come superiore alle proprie capacità).

Alcuni autori italiani hanno riassunto la peak performance, attraverso numerose descrizioni di atleti praticanti diverse attività sportive, in tre categorie caratterizzate da:
•Controllo di sè e dell'ambiente: l'atleta sperimenta una sensazione di totale padronanza dei propri mezzi atletici, e si percepisce in grado di compiere qualsiasi azione, come se questa fosse una conseguenza naturale, uno stato predeterminato, in cui non esistono dubbi e paura ma solo un intenso stato di euforia e fluidità che portano con naturalezza alla perfezione del gesto tecnico/tattico.