Vigoressia: un disturbo solo maschile?
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Vigoressia: un disturbo solo maschile?

E' un tipico disturbo di molti bodybuilder che, pur avendo raggiunto ottimi livelli di performance, continuano ad avere una percezione errata del proprio corpo

Autore:
Ultimo aggiornamento:

È il tipico disturbo dei body-builders in cui i muscolosi frequentatori di palestre ed attrezzi, pur avendo già raggiunto ottimi standard fisici, continuano a percepirsi "piccoli" e bisognosi di ulteriore allenamento. A ciò si associa anche la rigida osservanza di regimi alimentari particolari, tipicamente iperproteici, oltre all'uso intensivo di integratori. Ma purtroppo, sebbene non in tutti i casi, per aumentare la crescita muscolare talora si finirà col far uso di sostanze illegali.

Questo disturbo, allo stato attuale, trova un'incidenza massima negli uomini piuttosto che nelle donne. È interessante notare che tutto ciò non dipende solo dai canoni estetici delle mode del momento che impongono fisici dai muscoli scolpiti per i maschi e corpi sinuosi per l'altro sesso. In effetti approfonditi studi in campo antropologico hanno messo in evidenza che inconsapevolmente noi tutti ricerchiamo un partner che dimostri di essere in buona salute (per produrre figli sani), ma soprattutto in grado di procreare e di proteggere successivamente la prole.

Questi ed altri ancora erano i segnali che l'uomo ancestrale utilizzava come parametri di selezione del partner. E rappresentano stimoli visivi che ancora oggi hanno la capacità di attivarci sessualmente. Si tratta comunque di indicatori di salute e fertilità puramente arbitrari, che sovente non trovano un riscontro fondato, come la qualità della pelle e dei capelli, la larghezza del bacino nelle donne, la presenza di forte muscolatura negli uomini. Ed in effetti è proprio di arbitrarietà che si tratta quando ci troviamo davanti ad un uomo che per ottenere il proprio corpo muscoloso ha utilizzato sostanze non consentite: in questi casi è venuta meno la salute, ma non sempre, per l'appunto, ciò è evidente ad occhio nudo.

Ritornando alla psicopatologia del disturbo, possiamo notare come gli uomini affetti da vigoressia e le donne che soffrono di anoressia nervosa in effetti condividano uno stesso nucleo disfunzionale: il disturbo da dismorfismo corporeo. Detto anche dismorfofobia si tratta di una condizione in cui gli individui non riescono a percepire le proprie vere forme corporee, valutandosi sempre abnormi nel caso dell'anoressia, minuti nel caso della vigoressia, ma comunque con difetti fisici notevoli.

Per comprendere in maniera più chiara il funzionamento del circolo vizioso che porta al mantenimento e quindi alla persistenza del disturbo, ho messo a punto questo semplice schema:

virgolessia

Si nota chiaramente come ciascuna tessera del modello alimenti le altre e ne sia a sua volta influenzata. Infatti, percepirsi non corrispondente agli standard da raggiungere, cioè vedersi minuto nonostante i pesanti allenamenti, conduce inevitabilmente ad un'intensificazione dell'attività sportiva. Ma non avrebbe senso allenarsi a fondo, se anche l'alimentazione non seguisse rigide regole.

Ulteriori approfondimenti su: www.vigoressia.it