Metodologia di lavoro
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Metodologia di lavoro

Fase istruente: Progressione didattica, situazioni didattiche efficaci; Utilizzo della corretta metodologia; Movimento, difesa guida, difesa guida libera, fase agonistica.Verifica e utilizzo di parziali del gioco.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Metodologia di lavoro

Facendo riferimento all'allenamento, nel prepararne una seduta, dobbiamo prestare attenzione a due aspetti fondamentali:

  • Contenuto (il cosa, che può essere di tipo specifico o generalee deve trovare corrispondenza rispetto a chi è diretto, consapevolezza e condivisione);
  • Processo (il come).

1° fase "PRE" - ipotesi :

  • Obiettivo (mentale, fisico, tecnico e tattico);
  • Numero di giocatori;
  • Progressione didattica (situazioni didattiche efficaci)

2° fase "DURANTE" - interazione:

  • Osservazione;
  • Processo d'insegnamento
  • apprendimento di tipo circolare;
  • Gestione pratica della progressione didattica;
  • Correzione.

3° fase "POST" - valutazione:

  • Autovalutazione;
  • Valutazione;
  • Osservazioni;
  • Indicazioni.

In riferimento al processo teniamo conto di alcuni aspetti chepossono condizionare il lavoro tecnico e dominante.

Tener conto di questi aspetti determina il tipo di sguardo e di attenzionedell'allenatore e il suo intervento nelle diverse fasi dell'allenamento(correzioni, pause).

LAVORO INTEGRATO: Mentale – psichico, relazionale, fisico, tecnico– tattico

Il lavoro deve sempre essere riferito alla globalità della persona enon bisogna mai perdere di vista che qualsiasi movimento egestualità tecniche non possono essere considerate delle mereesecuzioni ma espressioni ricche di contenuti più ricchi.

Un aspetto determinante e fondamentale della nostra attività è la gestione dell'errore e l'utilizzo efficace della correzione:

  • Individuazione dell'errore;
  • Diagnosi delle cause (incomprensione, motivazione, faticafisica, fatica mentale / attenzione, insufficienti capacitàmotorie, pressione temporale eccessiva, paura);
  • appe di esecuzione e fonti di errore possibili in un atto motorio;
  • utti i fattori interagiscono con processi di feedback positivoo negativo (mirati sul compito o sull'istruzione) sullaprestazione.

Nel caso del team di "canestroverso", la componente errore –gestione, assume connotati particolari e necessitano di volta involta approfondimenti con tutto lo staff per valutarnel'evoluzione e condividere percorsi operativi.

Seduta di allenamento

Attivazione generale:Creare il giusto clima psicologico; Creare i presupposti mentali e fisici per l'allenamento.

Attivazione specifica (fase conoscitiva):Presentazione dell'obiettivo; Utilizzo di esercitazioni preparatorie alla fase seguente.

Fase istruente:Progressione didattica, situazioni didattiche efficaci; Utilizzo della corretta metodologia; Movimento, difesa guida (indicatori), difesa guidalibera, fase agonistica.

Verifica (fase centrale):

  • Utilizzo di parziali del gioco (2 c 2, 3 c 3,sovrannumero, sottonumero);
  • Utilizzo del 5 c 5;
  • Utilizzo di gare.

Fase finale:

  • Scarico (mentale e fisico), utilizzo dello stretching;
  • Osservazioni

Nota bene: queste appena descritte sono operazioni che qualsiasiallenatore/istruttore compie con il suo gruppo-squadra; nel caso specifico di"canestroverso" lo staff ha definito l'utilizzo di strumenti e occasionispeciali:

In palestra:

  • Allenamento settimanale: prima, durante e dopo (incontemporanea con allenamenti nella palestra attigua);
  • La palla (elemento essenziale della pallacanestro) utilizzatacome strumento "totale";
  • Utilizzo di piccoli attrezzi, cartoncini, pennarelli;
  • Parziali di allenamento con altri gruppi squadra della scuo
  • Valutazione mensile del progetto;
  • Valutazione annuale.

Allenamento settimanale: si riproduce lo stesso percorso visto sopracon dei riferimenti particolari agli allievi di riferimento.

Prima:

1. Organizzazione lavoro e palestra; 2. Accoglienza; 3. Spogliatoio.

Durante:

1. Saluto, condivisione, consapevolezza,responsabilità..... Dare sicurezza; 2. Attivazione e situazioni didattiche specifiche;3. Metodologia, ripetizioni.....Rinforzi.

Dopo:

1. Premiazioni, saluti; 2. Spogliatoio.

Strumenti:

Il gioco:

1. Insieme; 2. Spazio – tempo; 3. Gestualità funzionale.

La palla:

1. Ruvida... Tatto, di tutti i tipi e di consistenzediverse; 2. Rotola, rimbalza, scappa, si avvicina, scivola... 3. Stimola e favorisce relazioni...

Attrezzi e materiale:

1. Cartoncini, pennarelli, riproduzioni dipersonaggi, foto di ambienti... 2. Coni, cerchi, panche, ostacoli e bastoni; 3. Canestri, ceste, carrelli e vari tipi di contenitori.