Psicodisabilità
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Psicodisabilità

Psicologia dell'handicap e della riabilitazione

Cerca tra i nostri articoli

Il ritardo mentale

Parlando di ritardo mentale non possiamo far riferimento ad una precisa entità clinica, ma ad una sintomatologia predominante quanto comune a differenti stati patologici, che comunque fra loro differiscono per eziologia, gravità e peculiarità. L'elemento che accomuna gran parte delle definizioni formulate riguarda deficit nello sviluppo cognitivo di natura globale e stabile. L

Attuale classificazione del ritardo mentale

Attualmente, la classificazione sulla quale si tende a convergere è quella formulata dal manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM IV) dove la persona è definita come affetta da ritardo quando: Il suo QI è inferiore a 70 Esistono limiti in due o più aree di abilità di adattamento, ossia quelle necessarie a vivere ed a relazionarsi con la società (comunicazio

Le altre capacità cognitive in esame nel ritardo mentale

Motricità: i soggetti con ritardo mentale hanno inevitabilmente disagi e ritardi più o meno gravi anche nell'ambito motorio. Tali disagi sono in parte imputabili a deficit di tipo fisico e di controllo neuromotorio, in parte al ritardo cognitivo. In alcune sindromi (es. Down) vi è una manifesta lassità legamentosa associata ad ipotonia muscolare, che condizionano sia il raggiung

Influenza del ritardo mentale su: linguaggio, intelligenza, emozioni

Linguaggio: gli studi compiuti dimostrano la presenza di deficit linguistici sia a carico della comprensione che della produzione, con uno sviluppo rallentato rispetto ai coetanei normodotati. Con l'età, questa problematica diviene sempre più evidente. Le ragioni sono imputabili ad un deficit di programmazione motoria o di utilizzo delle conoscenze linguistiche, o difficoltà a ca

Progetti per l'integrazione del soggetto disabile

Lo sviluppo di un progetto per l'integrazione , è finalizzato all'inserimento sociale del soggetto. Condizione necessaria sarà la conoscenza delle caratteristiche connesse alla patologia in atto. Non bisognerà immaginare condizioni standard al presentarsi di tratti comuni in differenti stati patologici. Il reintegro è da intendersi come progetto comune a più aree e non come inter

Aspetti psicoevolutivi e neuroevolutivi

Dal punto di vista psicoevolutivo e neuroevolutivo , la ricerca sperimentale concorda con lo stabilire, nel periodo compreso fra gli 0 ed i 3 anni, il momento in cui si gettano le basi costitutive di gran parte delle funzioni psichiche. È questo il momento in cui il bambino costruisce le sicurezza personali e l'autostima. Sarà protagonista di una serie di cambiamenti evol

Le check list

Nella fascia di età 0-3 anni , e per bambini con grave disabilità, molto utile si è rivelata l'applicazione della BAB Behavior Assessment Battery, concepita nel 1981 per la valutazione di una vasta gamma di comportamenti. La BAB copre, infatti, numerose aree di sviluppo intellettivo e comportamentale, 13 per l'esattezza ed è corredata da precise istruzioni applicative e da criteri

Intervento educativo precoce

Ad ulteriore conferma dell'importanza di un intervento educativo precoce Guralnik (1999) sottolinea come, da una serie di ricerche, emerga che i bambini con sindrome di Down non sottoposti a terapia precoce, denotano una deviazione "in negativo" di anche il 50%. I migliori risultati si ottengono con programmi altamente strutturati, intensi ed individualizzati condotti con un gro

La famiglia del disabile

Le famiglie con al loro interno un bambino disabile tendono a subire un "disturbo", un'alterazione degli equilibri alla base di ogni relazione , e funzionali al benessere dei membri che la compongono. All'interno della famiglia entra a far parte una figura estranea, rappresentata dal medico o dal terapista, investito da delega da parte dei genitori stessi. Rendere il figlio disabi

Inserimento ed integrazione scolastica

Inserimento ed integrazione scolastica del bambino disabile hanno conosciuto, in Italia, diverse fasi caratterizzanti. Partendo dagli anni '60, sino ai giorni nostri, possiamo sottolineare una prima tappa di esclusione del soggetto per la paura nei confronti dell'handicap ed in particolare per le disabilità mentali, quindi l'esclusione del bambino dai contesti sociali e dalla sc

La scrittura strumentale

La scrittura strumentale è la capacità di scrivere, traducendo in segni che rappresentano fonemi, i desideri e le necessità individuali, o i contenuti di un pensiero, con lo scopo di comunicare conoscenze, esperienze, stati d'animo ecc. Le tappe che portano all'utilizzo della scrittura strumentale sono differenti e, ognuna, sottende l'apprendimento di abilità cognitive e competen

Analisi fonologica

Quando il bambino comprende che la parola scritta rappresenta quella parlata, si concentra nell' attività di analisi fonologica . I bambini che approcciano alla scolarità forti di una conoscenza fra corrispondenza fonemica e parola scritta, generalmente hanno grossi vantaggi. Quando questo non è presente le difficoltà aumentano. Spesso i soggetti con handicap hanno difficoltà atte

La lettura funzionale

Sono diverse le problematiche nell'insegnamento della lettura funzionale. Tra le principali ricordiamo: Come intervenire per far apprendere l'abilità di lettura funzionale Come scegliere le parole che rispondano alle esigenze principali del soggetto L'obiettivo è conseguito quando l'allievo legge globalmente una parola ed emette un comportamento congruo. Una prima tappa

Facilitazioni tecnologiche

Oggigiorno, le nuove tecnologie ci vengono in aiuto anche nella fase d'insegnamento ai soggetti disabili, con software che consentono operazioni impensabili sino a poco tempo addietro ed in particolare nel campo della Istruzione Personalizzata (IP) . I software predisposti per tale compito consentono la somministrazione di stimoli istruzionali da parte di un Computer. Il nostro s

L'adulto disabile

Al termine del percorso di studi obbligatorio, le famiglie e i soggetti disabili si trovano in una situazione di privazione dei servizi offerti dalla comunità, rischiando di andare in contro ad un processo di regressione . Le strade che si offrono sono di due tipi: la prosecuzione nelle scuole superiori o in strutture socio-educative. Gli obiettivi che tali associazioni dovrebbero

Le abilità integranti

Uno dei curricoli esaminabili per l'apprendimento di abilità finalizzate all'integrazione e l'assertività è il Red Kid che poggia le sue basi sui seguenti assunti: Problematiche relazionali e comportamentali vanno affrontate prevalentemente con la costruzione di abilità sociali che sostituiscano le modalità inadeguate Un curricolo volto ad un simile insegnamento non può pre

Disabili e lavoro, la fase senile

L'inserimento del soggetto in situazioni di handicap nel mondo del lavoro è di fondamentale importanza e, altrettanto importante, al fine di un'integrazione lavorativa di successo, è la presenza di determinanti infraindividuali ed extraindividuali. Le determinanti infraindividuali sono le stesse già viste in merito all'integrazione sociale, che verranno esaminate e valutate anche

Valutazione e monitoraggio dell'adulto disabile

In una politica di assessment , bisognerà improntare strumenti di valutazione per la monitorizzazione costante di modifiche delle abilità, ed in particolare di quegli indicatori precoci del deterioramento cognitivo. Il contenimento, e quindi l'intervento sul decadimento, passano attraverso processi di autoregolazione, autodistruzione, automonitoraggio, e la predisposizione di semp

La disabilità vista da vicino

Parlare di disabilità, significa soffermarsi su un tema complesso e denso di significati, ma allo stesso tempo può essere una buona opportunità per avere un piccolo spunto di riflessione da cui partire per guardare con più attenzione una realtà che con le sue particolarità colpisce e incuriosisce, ma spesso frena e intimorisce, perché la "diversità" che si manifesta improvvisame

Le abilità sportive nel disabile

Ci sorprendiamo ad apprendere che i disabili praticano sport, non immaginiamo come possano fare a superare le proprie disabilità per praticare un determinato sport, per esempio il calcio praticato dai non vedenti, oppure il basket in carrozzina, eppure il disabile riesce ad eccellere nello sport, ad essere determinato nei suoi obiettivi, ad ottenere i successi prefissati grazie a