Conseguenze delle sarcopenia
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Conseguenze delle sarcopenia

La sarcopenia porta diverse conseguenze negative, tra cui la promozione dell'osteoporosi e la diminuzione del metabolismo basale. A livello sociale, la spesa sostenuta dal SSN sta diventando intollerabile

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Conseguenze delle sarcopenia

In Italia l'aspettativa di vita dell'uomo negli ultimi decenni è aumentata considerevolmente, facendo aumentare nella popolazione la percentuale delle persone anziane (età > 65 anni). Di conseguenza i problemi connessi alla sarcopenia, essenzialmente legati alle limitazioni funzionali del movimento, stanno via via rendendo insostenibile, con le attuali risorse, il costo sociale della popolazione anziana.

La sarcopenia, essendo caratterizzata da una progressiva perdita di forza, massa e qualità del muscolo, si associa ad un aumentato rischio di cadute e quindi ad un aumentato rischio di fratture, che conduce inevitabilmente a inabilità fisica, debilitazione e perdita di autonomia. Il quadro si fa più drammatico se si pensa che la diminuzione di forza contrattile rende l'esercizio fisico più oneroso aumentando l'ipoattività nei soggetti sarcopenici.

Questo, oltre a non prevenire l'evoluzione dei meccanismi atrofici, determina anche un aumentato rischio cardiovascolare ed una predisposizione alla comparsa di patologie secondarie.

Inoltre, un altro importante inconveniente, conseguente al processo sarcopenico, può essere rappresentato dalla promozione dell'osteoporosi, per la mancata sollecitazione della struttura scheletrica, in conseguenza della riduzione della forza muscolare. Nei soggetti sarcopenici si potrà osservare anche difficoltà nel processo di termoregolazione, con intolleranza ridotta al freddo e al caldo, il fenomeno è dato da un aumento del tessuto adiposo e da una diminuzione del tessuto muscolare con conseguente diminuzione del metabolismo basale (Fig. 1).

Massa muscolo
FIG. 1 Alterazione della massa muscolare tra un atleta di 20 anni e una 65enne sedentaria (dal sito: www.fall-prevention-institute.org).