Attività muscolare durante il passo
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Attività muscolare durante il passo

Nell' oscillazione iniziale si ha l'attivazione simultanea del gracile, del sartorio e del iliaco che determinano la rotazione anteriore della coscia, a cui si aggiunge l'azione del capo breve del bicipite femorale.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Attività muscolare durante il passo

La transizione dall'appoggio all'oscillazione è compiuta nella preoscillazione, a cui segue, nell'oscillazione iniziale, un'azione sinergica dei muscoli flessori che sollevano e fanno avanzare l'arto. Nell'oscillazione intermedia continua l'attività muscolare presente in quella iniziale, con una minima azione muscolare aggiuntiva.

Preoscillazone

Nella preoscillazione il muscolo adduttore lungo si attiva per contrastare il momento abduttorio dell'anca, creato dallo spostamento del carico sull'altro arto. Successivamente nella fase finale della preoscillazione avviene l'attivazione del retto femorale, infatti il suo ruolo consiste nella decelerazione dell'eccessiva flessione del ginocchio, quando gli eventi passivi potrebbero prendere il sopravvento ma anche nella flessione dell'anca per favorire l'avanzamento dell'arto.

Con l'inizio del doppio appoggio, il vettore di forza avanza oltre le articolazioni metatarso-falangee, liberando il piede. Ciò permette all'energia potenziale dell'arto ditrasformarsi in energia cinetica e favorire il movimento della tibia, generando laflessione del ginocchio e ruotando ulteriormente la coscia in avanti.

In questa fase si fa sentire la tensione residua del tricipite che aumenta la flessione del ginocchio, aumentando l'avanzamento della tibia e del piede verso il punto dicontatto. Questa moderata forza di flessione plantare viene contrastata dall'azionedorsiflessoria dei muscoli pretibiali che aumenta rapidamente di intensità sollevandoil piede dalla sua precedente posizione in flessione plantare.

Oscillazione iniziale

In questa fase si ha l'attivazione simultanea del gracile, del sartorio e del iliaco che determinano la rotazione anteriore della coscia, a cui si aggiunge l'azione del capo breve del bicipite femorale per aumentare la componente flessoria del ginocchio.

Oscillazione intermedia

Nell'ultima fase i tracciati elettromiografici mostrano una significativa riduzione dell'attività dei flessori dorsali della tibiotarsica; l'unico muscolo dell'anca a essere ancora attivo è il gracile.

Spesso i muscoli sono silenti nell'oscillazione intermedia e questo perché il momento generato dalla vigorosa azione muscolare nell'oscillazione iniziale è sufficiente per concludere la sospensione dell'arto.

Muscoli globali
Attivazione muscolare globale, fase di oscillazione, visione posteriore e laterale

Durante la fase di appoggio, i muscoli di controllo sono dedicati a fornire la stabilità in carico, l'assorbimento dell'impatto e la progressione sul piede di appoggio. I muscoli responsabili sono gli estensori dell'arto che agiscono fondamentalmente per contrastare i momenti generati dalla gravità. Tali muscoli seguono una sequenza d'azione che inizia nell'oscillazione terminale e continua per tutto l'appoggio terminale.

Oscillazione terminale

Nella parte iniziale dell'oscillazione terminale i tre ischiocrurali proseguono l'attivazione dell'oscillazione intermedia con un picco di intensità per assorbireparzialmente l'impatto con il terreno, frenando prima la coscia e poi la gamba mentrenella parte finale riducono la loro intensità per evitare la flessione del ginocchio.

La flessione viene comunque contrastata dall'attivazione dei quattro vasti per assicurare la completa estensione del ginocchio necessaria per il contatto iniziale.

La decelerazione del femore continua grazie all'azione dei due estensori monoarticolari dell'anca e la riattivazione dei muscoli pretibiali posiziona il piede per la successiva azione di rotolamento del calcagno.

Risposta al carico

L'azione dei muscoli pretibiali raggiunge il picco di intensità nella parte iniziale della risposta al carico, per frenare la velocità di flessione plantare passiva della tibiotarsica; questo comporta il rotolamento del calcagno e la flessione del ginocchio per l'assorbimento dell'impatto.

L'azione dei quattro vasti aumenta rapidamente fino a raggiungere il picco di intensità; la loro funzione consiste nel limitare la flessione del ginocchio, avviata con il rotolamento del calcagno, e nell'assicurare una stabile accettazione del carico. Dopo che è stata controllata questa azione di flessione del ginocchio, i muscoli vasti si rilasciano rapidamente.

Appoggio intermedio / Appoggio terminale

Il muscolo vasto presenta un breve periodo di attività durante la parte iniziale dell'appoggio intermedio, per assistere l'estensione del ginocchio, ma di fatto la graduale progressione sul piede in appoggio viene assicurata dai flessori plantari della tibiotarsica. Il primo muscolo a essere attivato è il soleo.

L'azione del soleo fornisce una forza di flessione plantare che frena la velocità di avanzamento della tibia.

Il picco di attività del soleo si verifica in prossimità della fine dell'appoggio terminale, in risposta a due richieste: il vettore del corpo avanza fino all'avampiede creando un elevato momento dorsiflessorio che deve essere contrastato per mantenere la stabilità in carico; in secondo luogo, il distacco del tallone richiede un forte momento plantarflessorio per sostenere il peso del corpo. L'azione del muscolo soleo cessa rapidamente non appena l'arto contro laterale tocca il terreno.

L'attivazione del gastrocnemio segue rapidamente quella del soleo ed il suo incremento in intensità è analogo; il ritardo è correlato all'azione flessoria del ginocchio da parte di tale muscolo.

Muscoli globali appoggio
Attivazione muscolare globale, fase di appoggio, visione posteriore e laterale

Riassumiamo in una tabella le principali azioni muscolari dei vari muscoli degli arti inferiori coinvolti durante il ciclo del passo.

AZIONEMUSCOLARE MUSCOLI PERIODO
Ammortizzazione Quadricipite, Dorsiflessori Carico del peso
Stabilizzazione Grande gluteo, Medio gluteo, Piccolo gluteo, Tensore fascia lata, Erettore della colonna Doppio appoggio
Sollevamento delpiede Flessore lungo delledita, Flessore lungo del 1°dito, Gastrocnemio, Peroneo lungo, Peroneo breve, Soleo, Tibiale posteriore Scarico del peso
Acceleratori Grande adduttore, Adduttore lungo, Ileopsoas, Sartorio Scarico del peso
Controllori delpiede Estensore lungo delledita, Estensore lungo del primo dito, Tibiale anteriore Fase di volo
Deceleratori Gracile, Semimembranoso, Semitendinoso, Bicipite femorale Dalla fase intermedia di volo alcontatto iniziale

In quest'altra tabella analizziamo le varie contrazioni dei muscoli principalideambulazione, sia durante la fase di appoggio che quella di oscillazione.

Contrazione muscolare uno
Muscoli globali appoggio due
Tipo di contrazione muscolare in fase di appoggio e oscillazione