Le capacità coordinative speciali - seconda parte
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Le capacità coordinative speciali - seconda parte

Le capacità coordinative speciali: capacità di anticipazione motoria, capacità di fantasia motoria.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Le capacità coordinative speciali - seconda parte

Capacità di anticipazione motoria

Per dirla parafrasando le parole di Meinel (op. cit.) è la capacità di intuire un movimento partendo dalla forma dell'azione che lo precede.

È una capacità estremamente importante, basata su un meccanismo di intuizione che permette quindi di prevedere ed anticipare l'andamento e la successione di un'azione, predisponendo mentalmente, e subito dopo praticamente, i compiti motori che permettono la perfezione del risultato.
È evidente l'impegno psichico richiesto. Tale capacità trae beneficio dall'analisi delle esperienze motorie precedenti e dalla loro ripetizione in allenamento.

È importante in tutte le discipline sportive, individuali e di squadra. Nelle prime sarà maggiormente sollecitata l'anticipazione di gesti e situazioni relativamente noti. Negli sport o nei giochi di squadra sarà maggiormente chiamata in causa la capacità di anticipazione rispetto ad azioni e contesti non facilmente prevedibili.

Capacità di fantasia motoria

Consistente nell'essere in grado di risolvere, in maniera inconsueta, un problema motorio che si contrappone alla buona riuscita del gesto atletico, risulta pertanto fondamentale, per il suo sviluppo, accumulare un grande bagaglio di esperienze di movimento

Accanto alle capacità descritte è possibile rilevarne numerose altre, dalla capacità di equilibrio (della quale avremo modo di parlare approfonditamente più avanti) alla capacità di differenziazione spazio temporale, ossia la capacità di collocarsi in modo consono rispetto agli spazi, agli oggetti ed agli individui posti nell'ambiente di lavoro, riuscendo al tempo stesso a percepire le variazioni temporali nel corso di un'azione; e ancora la capacità di differenziazione dinamica intesa come la capacità di conferire diversi gradi di intensità all'azione muscolare, valutando l'ottimale espressione dei gesti in virtù di risultati e situazioni, ecc.

Consultando i diversi autori sarà possibile rinvenire ed approfondire un numero variabile di capacità coordinative speciali. Questo deriva dall'individuale volontà di ridurre, segmentare in modalità più o meno elementari i singoli elementi che costituiscono un'azione motoria nel suo complesso.

Capacità di equilibrio

È la caratteristica che, più di qualunque altra, è riconosciuta pressoché da tutti gli autori come una capacità coordinativa speciale. Per equilibrio s'intende la capacità di svolgere compiti motori in condizioni precarie, causate da piccole superfici d'appoggio o da condizioni dinamiche che determinano il disturbo delle normali condizioni di stabilità.
L'individuo fa ricorso alla capacità di equilibrio in tutte le azioni della vita comune al fine del mantenimento della postura, che subisce inevitabili influenze nel comune agire. Ovviamente nella pratica di attività intense, o discipline sportive, il ricorso alla stabilità diviene marcatamente maggiore, assieme alla richiesta di riequilibrare molto più rapidamente il proprio corpo.
In linea più generale si può affermare che un corpo è in una condizione di equilibrio quando la verticale passante per il baricentro cade entro la base d'appoggio. È evidente che, per un individuo, la base d'appoggio è costituita dall'area dei suoi piedi, e in questo caso l'equilibrio è garantito dal funzionamento del sistema vestibolare che, in ogni momento, registra la posizione del corpo e fornisce degli output per continui aggiustamenti.

L'equilibrio si manifesta in forme diverse, possiamo distinguere:
- l'equilibrio statico: ossia la capacità di mantenere una data posizione su base riflessa, come chiarito si avvale in massima parte del sistema vestibolare;
- l'equilibrio dinamico: vale a dire la capacità di mantenere una determinata posizione con il corpo in movimento, sfruttando il grado di sviluppo dello schema corporeo e della strutturazione temporo-spaziale;
-l'equilibrio in volo: ossia la capacità di mantenere una posizione idonea agli obiettivi in una condizione in cui non vi sono contatti con il suolo. In questa circostanza le informazioni propriocettive sono estremamente limitate, e divengono indispensabili le informazioni ottiche e vestibolari.

L'equilibrio è un'espressione complessa delle capacità coordinative, la cui ottimale sollecitazione avviene dai 5 ai 12 anni di vita, e tende a regredire nella fase senile.

Accanto alle capacità descritte è possibile rilevarne numerose altre, dalla capacità di differenziazione spazio temporale, ossia la capacità di collocarsi in modo consono rispetto agli spazi, agli oggetti ed agli individui posti nell'ambiente di lavoro, riuscendo al tempo stesso a percepire le variazioni temporali nel corso di un'azione, alla capacità di differenziazione dinamica intesa come la capacità di conferire diversi gradi di intensità all'azione muscolare, valutando l'ottimale espressione dei gesti in virtù di risultati e situazioni, ecc.

Consultando i diversi autori sarà possibile rinvenire ed approfondire un numero variabile di capacità coordinative speciali. Questo deriva dall'individuale volontà di ridurre e segmentare, in modo più o meno elementare, i singoli elementi che costituiscono un'azione motoria nel suo complesso. È difficile determinare in maniera assolutistica le capacità coordinative speciali, poiché esse sono tanto reali se esaminate da un punto di vista della "necessità di possedere una data caratteristica al fine di eseguire un compito motorio", quanto ipotetiche, come lo stesso Mainel (op. cit.) le definisce, se si cerca di individuarle e classificarle.