Verifiche e valutazione
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Verifiche e valutazione

I riferimenti programmatici, gli obiettivi specifici, l'attività didattica ed il gruppo di lavoro in un caso concreto.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

I Prerequisiti Definizione e valutazione dei prerequisiti di ogni alunno e dell'omogeneità della classe mediante la somministrazione di test oggettivamente valutabili, che evidenzino in che misura le espressioni coordinative e condizionali sono presenti.

La verifica iniziale

Test di valutazione dell'equilibrio statico

  • Con gli occhi aperti stare sulla gamba destra, mantenendo la gamba sinistra flessa e le braccia lungo il corpo. Dopo trenta secondi di riposo ripetere la consegna con l'altra gamba. La prova è da considerarsi non riuscita se il ragazzo abbassa ripetutamente la gamba alzata, se salta, oscilla o tende a toccare il suolo con il piede della gamba alzata.
  • Stare sulla punta dei piedi, con gli occhi chiusi, le braccia lungo il corpo, le gambe strette e i piedi uniti. La prova è da ritenersi non riuscita in presenza di marcate oscillazioni, spostamenti volti a riequilibrarsi, o se  i talloni toccano terra.
Test di valutazione dell'equilibrio dinamico
  • Camminare su di un'asse di equilibrio posta a pochi centimetri da terra, valutando la distanza percorsa senza incertezza e senza toccare terra.
  • Camminare in maniera più o meno accelerata su dei cubi tra loro distanziati di 20cm e di altezza moderata. Valutare il numero di volte che il ragazzo è costretto a scendere, cade, o tocca terra con un piede per non perdere l'equilibrio. In questi casi la prova è da considerare non superata.

Test di valutazione dell'equilibrio in volo

  • Saltare superando un ostacolo posto a 40/50 cm da terra e giungere in un punto graficamente delineato e di superficie ridotta. La prova non è valida se successivamente all'aver toccato terra il ragazzo si sbilancia in avanti o dietro, dovendo ricorrere ad ulteriori passi "d'aggiustamento" per riprendere l'equilibrio.
  • Ginocchio flesso ad angolo retto, braccia lungo i fianchi. Porre al suolo una piccola scatola vuota. Il ragazzo deve spingerla, saltando su un piede, in direzione di un traguardo situato in linea retta a circa 5 metri di distanza. Valutare il numero di volte che il ragazzo perde l'equilibrio toccando terra con il piede della gamba sollevata (in questo caso la prova è da considerare come non superata). Il test può essere proposto anche sottoforma di competizione fra più compagni di gioco contemporaneamente, valutando il tempo impiegato per compiere la distanza tra partenza ed arrivo senza perdere l'equilibrio.